|

|

|

|

|


Autore

Fonte
www.centrostudi.50epiu.it
01/11/2018

La depressione può accelerare l'invecchiamento cerebrale

Uno studio condotto dall’università di Sussex e pubblicato sulla rivista Psychological Medicine ha associato la depressione ad un rapido invecchiamento cerebrale.

Questo nuovo studio è il primo a offrire una solida prova dell’impatto della depressione sul declino delle funzioni cognitive. Su un totale di 71000 soggetti, i ricercatori hanno condotto una review sistematica di 34 studi longitudinali. Lo studio si è focalizzato sul legame tre stati depressivi (sintomatologia e diagnosi clinica) e progressivo deficit nella memoria, nelle funzioni esecutive, nella velocità di elaborazione delle informazioni. Coloro che avevano manifestato stati depressivi andavano incontro a un maggior e più veloce declino cognitivo. Il risultato è molto importante perché stabilisce una chiara connessione tra una patologia diffusa e la salute generale del cervello in età avanzata.

La co-autrice della ricerca, Darya Gaysina, commentando il risultato sostiene la necessità di trattare adeguatamente le patologie psichiche per salvaguardare le funzioni cerebrali in tarda età.


(Fonte: www.centrostudi.50epiu.it)

Tutto il materiale e le informazioni presenti in questo Sito Web sono protetti dal diritto di copyright, ossia dal diritto di proprietà e tutti i contenuti del sito appartengono esclusivamente a Fondazione Leonardo. Tali contenuti possono includere immagini, fotografie, illustrazioni, testi, inserti video e audio, disegni, logotipi e marchi di fabbrica. Tutti i diritti sono riservati.

Età biologica e invecchiamento demografico

Chi vive in un Paese in via di sviluppo invecchia precocemente rispetto a chi nasce in un Paese industrializzato e la differenza d’età biologica può arrivare anche a 30 anni. A dimostrarlo è uno studio scientifico condotto in varie nazioni del mondo e pubblicato su Lancet Public Health.

Le rughe non sono più un problema

Alle donne oggi interessa di più combattere lo stress e puntare al benessere piuttosto che far sparire le rughe.

Ultimi inserimenti in Periodico

 

All’ultimo congresso annuale dei geriatri italiani (SIGG) è stato proposto di alzare la tradizionale soglia dell’anzianità da 65 a 75 anni. Questa nuova definizione dell’età anziana non è una sorta di maquillage giovanilistico ma trova essenzialmente le sue giustificazioni in almeno due ordini di motivi.

 

Filippi Vittorio, www.neodemos.info, 21/02/2019

Parola chiave: Longevità, Qualità della vita

 

Secondo uno studio del Centro Studi di Confindustria e confermato dall’Osservatorio di Cisl, gli interventi di welfare aziendale che riguardano il sostegno e la cura della famiglia sono ancora marginali nelle scelte dei lavoratori ma le richieste di questo genere di servizi sono in aumento.

 

Santoni Valentino , www.secondowelfare.it, 22/02/2019

Parola chiave: Welfare

 

Negli ultimi anni l'aspettativa di vita si è molto allungata (85 anni per la donna, 82 anni per l'uomo), quindi è indispensabile occuparsi della sessualità anche negli anziani, che dovrebbe essere considerata una componente importante nella qualità della vita.

 

Fabrizi Adele, www.ilfattoquotidiano.it, 26/01/2019

Parola chiave: Sessualità

Visualizza altri Periodici In archivio sono presenti 72 Periodici

Inviaci le tue notizie

Puoi segnalarci: progetti, convegni, seminari, tutto ciò che può interessare chi si interessa della vita in età anziana.

Iscriviti alla newsletter

Resta sempre aggiornato e ricevi le più importanti notizie della settimana.