|

|

|

|

|


Autore

Fonte
www.centrostudi.50epiu.it
01/11/2018

La depressione può accelerare l'invecchiamento cerebrale

Uno studio condotto dall’università di Sussex e pubblicato sulla rivista Psychological Medicine ha associato la depressione ad un rapido invecchiamento cerebrale.

Questo nuovo studio è il primo a offrire una solida prova dell’impatto della depressione sul declino delle funzioni cognitive. Su un totale di 71000 soggetti, i ricercatori hanno condotto una review sistematica di 34 studi longitudinali. Lo studio si è focalizzato sul legame tre stati depressivi (sintomatologia e diagnosi clinica) e progressivo deficit nella memoria, nelle funzioni esecutive, nella velocità di elaborazione delle informazioni. Coloro che avevano manifestato stati depressivi andavano incontro a un maggior e più veloce declino cognitivo. Il risultato è molto importante perché stabilisce una chiara connessione tra una patologia diffusa e la salute generale del cervello in età avanzata.

La co-autrice della ricerca, Darya Gaysina, commentando il risultato sostiene la necessità di trattare adeguatamente le patologie psichiche per salvaguardare le funzioni cerebrali in tarda età.


(Fonte: www.centrostudi.50epiu.it)

Tutto il materiale e le informazioni presenti in questo Sito Web sono protetti dal diritto di copyright, ossia dal diritto di proprietà e tutti i contenuti del sito appartengono esclusivamente a Fondazione Leonardo. Tali contenuti possono includere immagini, fotografie, illustrazioni, testi, inserti video e audio, disegni, logotipi e marchi di fabbrica. Tutti i diritti sono riservati.

Una alimentazione ricca di carboidrati potrebbe allungare la vita?

Tra gli abitanti delle isole di Okinawa (Giappone), ogni 100mila abitanti, si contano ben 68 centenari (più di tre volte il numero riscontrato in altre popolazioni a livello mondiale).

La depressione può accelerare l'invecchiamento cerebrale

Uno studio condotto dall’università di Sussex e pubblicato sulla rivista Psychological Medicine ha associato la depressione ad un rapido invecchiamento cerebrale.

Ultimi inserimenti in Periodico

 

Sono stati premiati dal Maestro Pupi Avati i vincitori di Corti di Lunga Vita, il concorso internazionale di cortometraggi promosso dall’associazione 50&Più.

 

De Felicis Dario, www.centrostudi.50epiu.it, 13/12/2018

Parola chiave: Arte, creatività, Cinema

 

Uno studio pubblicato sulla rivista Journal of Applied Physiology da ricercatori della Ball State University di Muncie (Usa) giunge alle seguente conclusione: allenarsi regolarmente potrebbe aiutare a restare giovani; i settantenni che hanno sempre praticato un’attività fisica avrebbero una salute cardiovascolare simile a quella di chi ha 30 anni di meno.

 

Comerci Nadia, salute24.ilsole24ore.com, 27/11/2018

Parola chiave: Attività fisica, Invecchiamento attivo

 

Rovistare per ore nelle tasche o in borsa alla ricerca degli occhiali, non ricordare di aver chiuso la macchina o dove è parcheggiata, mettere a soqquadro la casa per trovare il telefono. Molti “smemorati” temono che ci sia una correlazione tra dimenticare da giovani e sviluppare patologie come demenza o decadimento cognitivo nella terza età. È una preoccupazione fondata?

 

Turin Silvia, www.corriere.it, 02/12/2018

Parola chiave: Disturbi della memoria, Prevenzione, Stili di vita

Visualizza altri Periodici In archivio sono presenti 68 Periodici

Inviaci le tue notizie

Puoi segnalarci: progetti, convegni, seminari, tutto ciò che può interessare chi si interessa della vita in età anziana.

Iscriviti alla newsletter

Resta sempre aggiornato e ricevi le più importanti notizie della settimana.