|

|

|

|

|


Autore

Fonte
www.centrostudi.50epiu.it
22/11/2018

In Germania il welfare si rafforza in risposta alla povertà dei pensionati

Un disegno di legge approvato l’8 novembre scorso dal Parlamento tedesco contiene le linee guida per un progetto di riforma delle pensioni con costi stimati, da oggi al 2025, di 31 miliardi di euro.

Angela Merkel attenua la linea di rigore adottata negli ultimi anni aprendo ad alcune concessioni alle categorie vulnerabili. Per il Washington Post si tratta di un rafforzamento del welfare a sostegno di pensionati e infanzia.

Il provvedimento prevede che il tasso di sostituzione (il rapporto tra la pensione e l’ultimo reddito percepito) non scenda sotto il 48% da qui al 2025, introduce una soglia massima (20%) per la contribuzione e prevede trattamenti più generosi per le pensioni erogate alle madri che si occupano dei figli. Solo quest’ultima misura interessa dieci milioni di cittadini.

La mossa del governo Merkel risponde a un bisogno sociale considerato impellente in Germania: l’aumento sensibile dei tassi di povertà tra le persone che escono dal mercato del lavoro a causa della stagnazione delle pensioni negli ultimi anni, dovuta anche al basso livello medio di tasso di sostituzione (51% su scala nazionale contro l'83% dell'Italia). Deutsche Welle (emittente pubblica tedesca di radiodiffusione), in uno studio del 2017, segnalava che il tasso di povertà tra i pensionati, pari al 16% nel 2015, fosse destinato a salire al 20% nel 2036 (28% tra le donne); un aumento da mettere in relazione al deciso invecchiamento del Paese.


(Fonte: www.centrostudi.50epiu.it)

Tutto il materiale e le informazioni presenti in questo Sito Web sono protetti dal diritto di copyright, ossia dal diritto di proprietà e tutti i contenuti del sito appartengono esclusivamente a Fondazione Leonardo. Tali contenuti possono includere immagini, fotografie, illustrazioni, testi, inserti video e audio, disegni, logotipi e marchi di fabbrica. Tutti i diritti sono riservati.

Welfare aziendale: Grom prevede anche bonus per l'assistenza

Si stanno diffondendo accordi aziendali che prevedono che i dipendenti possano utilizzare bonus per vari scopi tra cui l'assistenza a familiari anziani non autosufficienti.

Riso e salute, ecco perché questo cereale è un buon sostituto della pasta dopo i 50 anni

Il riso è indicato come sostituto della pasta, soprattutto per gli over 50, per le sue benefiche proprietà nutrizionali e per le sue qualità organolettiche.

Ultimi inserimenti in Periodico

 

Sindrome Italia è la definizione utilizzata in Romania per i problemi di salute mentale accusati da chi ha lavorato come badante in Italia.

 

Raso Beatrice, www.meteoweb.eu, 26/02/2019

Parola chiave: Assistente familiare, badante

 

Nell’era digitale in cui i giovani sembrano i detentori del sapere, la Modern Elder Academy (MEA) si propone come il luogo in cui i senior possono valorizzare le proprie capacità.

 

Russo Linda, www.centrostudi.50epiu.it, 26/03/2019

Parola chiave: Educazione permanente, Lavoro nella terza età

 

L'Italia prova ad attrarre i pensionati residenti all’estero (anche nostri connazionali) che decidono di trasferirsi nella Penisola. Con la legge di Bilancio 2019, infatti, è stata introdotta una tassazione ridotta sui redditi per le persone che trasferiscono la loro residenza nelle regioni del Mezzogiorno.

 

Croce Marco, Vallefuoco Valerio, www.ilsole24ore.com, 04/03/2019

Parola chiave: Legislazione nazionale, Politiche riferite alla popolazione anziana

Visualizza altri Periodici In archivio sono presenti 75 Periodici

Inviaci le tue notizie

Puoi segnalarci: progetti, convegni, seminari, tutto ciò che può interessare chi si interessa della vita in età anziana.

Iscriviti alla newsletter

Resta sempre aggiornato e ricevi le più importanti notizie della settimana.