|

|

|

|

|


Autore

Fonte
www.centrostudi.50epiu.it
22/11/2018

In Germania il welfare si rafforza in risposta alla povertà dei pensionati

Un disegno di legge approvato l’8 novembre scorso dal Parlamento tedesco contiene le linee guida per un progetto di riforma delle pensioni con costi stimati, da oggi al 2025, di 31 miliardi di euro.

Angela Merkel attenua la linea di rigore adottata negli ultimi anni aprendo ad alcune concessioni alle categorie vulnerabili. Per il Washington Post si tratta di un rafforzamento del welfare a sostegno di pensionati e infanzia.

Il provvedimento prevede che il tasso di sostituzione (il rapporto tra la pensione e l’ultimo reddito percepito) non scenda sotto il 48% da qui al 2025, introduce una soglia massima (20%) per la contribuzione e prevede trattamenti più generosi per le pensioni erogate alle madri che si occupano dei figli. Solo quest’ultima misura interessa dieci milioni di cittadini.

La mossa del governo Merkel risponde a un bisogno sociale considerato impellente in Germania: l’aumento sensibile dei tassi di povertà tra le persone che escono dal mercato del lavoro a causa della stagnazione delle pensioni negli ultimi anni, dovuta anche al basso livello medio di tasso di sostituzione (51% su scala nazionale contro l'83% dell'Italia). Deutsche Welle (emittente pubblica tedesca di radiodiffusione), in uno studio del 2017, segnalava che il tasso di povertà tra i pensionati, pari al 16% nel 2015, fosse destinato a salire al 20% nel 2036 (28% tra le donne); un aumento da mettere in relazione al deciso invecchiamento del Paese.


(Fonte: www.centrostudi.50epiu.it)

Tutto il materiale e le informazioni presenti in questo Sito Web sono protetti dal diritto di copyright, ossia dal diritto di proprietà e tutti i contenuti del sito appartengono esclusivamente a Fondazione Leonardo. Tali contenuti possono includere immagini, fotografie, illustrazioni, testi, inserti video e audio, disegni, logotipi e marchi di fabbrica. Tutti i diritti sono riservati.

Per gli over 65 consigliata dieta ipocalorica con incremento di proteine

Secondo uno studio della Wake Forest University di Winston-Salem (Stati Uniti), pubblicato su Annals of Nutrition and Metabolism, per perdere peso in età avanzata può essere efficace una dieta ipocalorica ad elevato apporto di proteine perché preserva una buona funzionalità muscolare e contrasta la perdita di massa ossea.

Le "case intelligenti" per anziani e disabili

Sono pronte le “case intelligenti” nel quartiere Altobello di Mestre.

Ultimi inserimenti in Periodico

 

All’ultimo congresso annuale dei geriatri italiani (SIGG) è stato proposto di alzare la tradizionale soglia dell’anzianità da 65 a 75 anni. Questa nuova definizione dell’età anziana non è una sorta di maquillage giovanilistico ma trova essenzialmente le sue giustificazioni in almeno due ordini di motivi.

 

Filippi Vittorio, www.neodemos.info, 21/02/2019

Parola chiave: Longevità, Qualità della vita

 

Secondo uno studio del Centro Studi di Confindustria e confermato dall’Osservatorio di Cisl, gli interventi di welfare aziendale che riguardano il sostegno e la cura della famiglia sono ancora marginali nelle scelte dei lavoratori ma le richieste di questo genere di servizi sono in aumento.

 

Santoni Valentino , www.secondowelfare.it, 22/02/2019

Parola chiave: Welfare

 

Negli ultimi anni l'aspettativa di vita si è molto allungata (85 anni per la donna, 82 anni per l'uomo), quindi è indispensabile occuparsi della sessualità anche negli anziani, che dovrebbe essere considerata una componente importante nella qualità della vita.

 

Fabrizi Adele, www.ilfattoquotidiano.it, 26/01/2019

Parola chiave: Sessualità

Visualizza altri Periodici In archivio sono presenti 72 Periodici

Inviaci le tue notizie

Puoi segnalarci: progetti, convegni, seminari, tutto ciò che può interessare chi si interessa della vita in età anziana.

Iscriviti alla newsletter

Resta sempre aggiornato e ricevi le più importanti notizie della settimana.