|

|

|

|

|


Autore

Fonte
www.centrostudi.50epiu.it
22/11/2018

In Germania il welfare si rafforza in risposta alla povertà dei pensionati

Un disegno di legge approvato l’8 novembre scorso dal Parlamento tedesco contiene le linee guida per un progetto di riforma delle pensioni con costi stimati, da oggi al 2025, di 31 miliardi di euro.

Angela Merkel attenua la linea di rigore adottata negli ultimi anni aprendo ad alcune concessioni alle categorie vulnerabili. Per il Washington Post si tratta di un rafforzamento del welfare a sostegno di pensionati e infanzia.

Il provvedimento prevede che il tasso di sostituzione (il rapporto tra la pensione e l’ultimo reddito percepito) non scenda sotto il 48% da qui al 2025, introduce una soglia massima (20%) per la contribuzione e prevede trattamenti più generosi per le pensioni erogate alle madri che si occupano dei figli. Solo quest’ultima misura interessa dieci milioni di cittadini.

La mossa del governo Merkel risponde a un bisogno sociale considerato impellente in Germania: l’aumento sensibile dei tassi di povertà tra le persone che escono dal mercato del lavoro a causa della stagnazione delle pensioni negli ultimi anni, dovuta anche al basso livello medio di tasso di sostituzione (51% su scala nazionale contro l'83% dell'Italia). Deutsche Welle (emittente pubblica tedesca di radiodiffusione), in uno studio del 2017, segnalava che il tasso di povertà tra i pensionati, pari al 16% nel 2015, fosse destinato a salire al 20% nel 2036 (28% tra le donne); un aumento da mettere in relazione al deciso invecchiamento del Paese.


(Fonte: www.centrostudi.50epiu.it)

Tutto il materiale e le informazioni presenti in questo Sito Web sono protetti dal diritto di copyright, ossia dal diritto di proprietà e tutti i contenuti del sito appartengono esclusivamente a Fondazione Leonardo. Tali contenuti possono includere immagini, fotografie, illustrazioni, testi, inserti video e audio, disegni, logotipi e marchi di fabbrica. Tutti i diritti sono riservati.

Inutile l'aspirina per gli anziani in buona salute

Uno studio clinico condotto dalla NIH, (National Institute of Healt) un’agenzia del dipartimento della Salute degli Stati Uniti, afferma che l’aspirina non porterebbe vantaggi a chi non ha particolari malattie o disabilità.

Ultimi inserimenti in Periodico

 

Uno studio condotto dall’università di Sussex e pubblicato sulla rivista Psychological Medicine ha associato la depressione ad un rapido invecchiamento cerebrale.

 

Pezzica Elettra, www.centrostudi.50epiu.it, 01/11/2018

Parola chiave: Depressione

 

Eravamo abituati ai ristoranti di cibo pronto e veloce affollati di teenager che prendono ordinazioni. Invece, negli Stati Uniti, le catene di fast food hanno preso a cercare personale senior e il fenomeno si inizia a notare anche in altri settori, come quello del trasporto aereo. 

 

Colarusso Gabriella, La Repubblica, 07/11/2018

Parola chiave: Lavoro dopo la pensione

 

Nella rete si possono incontrare le sirene ed essere tratti in inganno dal loro canto. Un rischio reale per tutti nell'era digitale, anziani inclusi. Una recente indagine di Ipsos ha rilevato che gli anziani, nel 76% dei casi, hanno almeno un account e spesso (nel 25% dei casi) utilizzano i social per comunicare e informarsi. Tavolta capita di imbattersi in “bufale” e fake news: Auser ha dedicato agli strumenti per difendersi da queste due giorni di convegno a Torino.

 

Redazione Redattore Sociale, www.redattoresociale.it, 18/10/2018

Parola chiave: Comunicazione, problemi della, Social Network, Strumenti informatici e telefonia

Visualizza altri Periodici In archivio sono presenti 63 Periodici

Inviaci le tue notizie

Puoi segnalarci: progetti, convegni, seminari, tutto ciò che può interessare chi si interessa della vita in età anziana.

Iscriviti alla newsletter

Resta sempre aggiornato e ricevi le più importanti notizie della settimana.