|

|

|

|

|


Autore

Data Notizia
29/11/2018

Fonte
www.ansa.it

Da una ricerca Ipsos: un italiano su due non pratica attività sportiva

Una ricerca Ipsos svela che in Italia, un uomo su due non pratica attività fisica.

Il dato è emerso nel corso dell'evento AndroDay. Percorsi di salute al maschile, dove viene sottolineato, tra le altre cose, che il 26% di coloro che praticano attività sportiva si dedicata allo sport meno di tre volte a settimana.

Fra coloro che hanno la licenza media o titolo inferiore si registra la massima percentuale di chi non fa sport, mentre sono tanti i laureati che lo praticano più di tre volte a settimana. Palestra (36%), corsa (27%) e calcio (25%) risultano le attività sportive più praticate, davanti a nuoto (14%), ciclismo (11%), tennis (8%).

A preoccupare sono il 22% dei lavoratori intervistati che, oltre a "non muoversi" dalla propria postazione, risultano poco attenti all'alimentazione e all'assunzione di acqua e si dichiarano poco soddisfatti della vita sentimentale.

La ricerca presenta anche il profilo di chi è attento a ciò che mangia: laureato, residente nel Nord-Ovest, di età compresa tra i 50 e i 70 anni rappresenta il 26% degli intervistati. Questo tipo di persona consuma tutti i giorni frutta e verdura, alterna il consumo di pesce e carne, limita al minimo snack e cibo da fast food; la pasta viene consumata quotidianamente dal 68% degli intervistati


(Tratto dall’articolo www.ansa.it)

Tutto il materiale e le informazioni presenti in questo Sito Web sono protetti dal diritto di copyright, ossia dal diritto di proprietà e tutti i contenuti del sito appartengono esclusivamente a Fondazione Leonardo. Tali contenuti possono includere immagini, fotografie, illustrazioni, testi, inserti video e audio, disegni, logotipi e marchi di fabbrica. Tutti i diritti sono riservati.

Controllare l'udito evita la depressione

In base a una ricerca condotta dalla Columbia University, maggiore è la perdita di udito, maggiore è il rischio di peggioramento dei sintomi che conducono alla depressione. Infatti, il trattamento dell'ipoacusia potrebbe essere un modo per evitare la depressione tardiva.

Digitalizzazione dei modelli di cura domiciliare per gli anziani

Premessa: l'invecchiamento della popolazione ha un grande impatto economico; per questa ragione, sono stati finanziati numerosi progetti europei inerenti al cambiamento demografico.

Ultimi inserimenti in Notizia

 

Un gruppo di scienziati della Washington University School of Medicine di St. Louis, negli USA, ha dimostrato che, anche quando l'età anagrafica è la stessa, il cervello delle donne è di circa tre anni più giovane rispetto a quello degli uomini.

 

Scritto da Dario Luciana il 18/02/2019

Parola chiave: Ricerca

 

Secondo alcuni dei dati dell’Ars Toscana sono sempre di più gli anziani malati (malattie croniche o tumori) che muoiono in ospedale. E sempre meno anziani usufruiscono dell’assistenza domiciliare nell’ultimo mese di vita.

 

Scritto da Coppi Mariarosa il 19/02/2019

Parola chiave: Analisi comparative

 

Da una ricerca dello "Studio di Giaccardi & Associati" è emerso che il così detto "turismo d'argento" è sempre in continuo aumento.

 

Scritto da Dario Luciana il 18/02/2019

Parola chiave: Invecchiamento attivo, Ricerca

Visualizza altri Notizie In archivio sono presenti 5935 Notizie

Inviaci le tue notizie

Puoi segnalarci: progetti, convegni, seminari, tutto ciò che può interessare chi si interessa della vita in età anziana.

Iscriviti alla newsletter

Resta sempre aggiornato e ricevi le più importanti notizie della settimana.