|

|

|

|

|


Autore

Fonte
salute24.ilsole24ore.com
27/11/2018

Attività fisica regolare "toglie" al corpo trent'anni di vita biologica

Uno studio pubblicato sulla rivista Journal of Applied Physiology da ricercatori della Ball State University di Muncie (Usa) giunge alle seguente conclusione: allenarsi regolarmente potrebbe aiutare a restare giovani; i settantenni che hanno sempre praticato un’attività fisica avrebbero una salute cardiovascolare simile a quella di chi ha 30 anni di meno.

La ricerca ha coinvolto tre gruppi di persone: 28 ultrasettantenni (tra cui sette donne) che avevano praticato regolarmente uno sport negli ultimi cinquant'anni in modo non agonistico; 20 loro coetanei che durante l'età adulta avevano condotto una vita sedentaria; 20 ragazzi attivi di 25 anni.

Al termine dell’analisi è emerso che i muscoli degli anziani atletici somigliavano molto più a quelli dei giovani che a quelli degli anziani sedentari; i risultati dell’esperimento suggeriscono che l'esercizio potrebbe aiutare a restare giovani e che il deterioramento dell’apparato muscolare e del sistema cardiovascolare, che viene considerato un comune effetto dell’invecchiamento, in realtà potrebbe non essere normale o inevitabile.


(Fonte: salute24.ilsole24ore.com)

Tutto il materiale e le informazioni presenti in questo Sito Web sono protetti dal diritto di copyright, ossia dal diritto di proprietà e tutti i contenuti del sito appartengono esclusivamente a Fondazione Leonardo. Tali contenuti possono includere immagini, fotografie, illustrazioni, testi, inserti video e audio, disegni, logotipi e marchi di fabbrica. Tutti i diritti sono riservati.

Youtube e cucina. Arrivano le nonne

In tempi di isolamento da coronavirus  c’è chi propone, per occupare il tempo, ricette da sperimentare per coloro che non possono andare a trovare i nonni o i genitori anziani.

Coronavirus, gli anziani e il rischio di cancellare la memoria del Paese

Durante la Messa celebrata il 26 marzo a Santa Marta Papa Francesco ha disegnato la paura che gli anziani stanno vivendo dall’inizio dell’epidemia.

Ultimi inserimenti in Periodico

 

Un sondaggio effettuato da Senior Italia FederAnziani ha evidenziato che ben 7 anziani su 10, in questa fase di coronavirus, sono in una condizione di solitudine neppure attenuata da una telefonata o videochiamata. Si tratta soprattutto di settantenni e ottantenni che soffrono di solitudine e sono spaventati dall’epidemia. È una questione triste e insieme allarmante.

 

Di Stefano Paolo, www.corriere.it, 12/05/2020

Parola chiave: Solitudine, Tecnologia

 

Dopo il coronavirus è necessario ripensare il ruolo delle RSA. La reputazione delle grandi strutture residenziali per anziani è inesorabilmente segnata, spingendo sempre più le famiglie a considerarle una opzione limite, di ultima istanza, accelerandone la trasformazione verso grandi hospice. Per non finire così le Rsa dovranno ripensarsi e adattarsi a bisogni che saranno cambiati.

 

Pasquinelli Sergio, www.vita.it, 01/05/2020

Parola chiave: Assistenza Domiciliare, Operatore socio-assistenziale e sanitario, Residenza Sanitaria Assistenziale

 

ll sondaggio sul contagio da COVID-19 nelle RSA, realizzato dall'Istituto Superiore di Sanità a cavallo tra marzo e aprile, ha evidenziato che il tasso di mortalità fra i residenti, considerando i decessi di persone risultate positive o con sintomi simil-influenzali, è in media del 3,1% ma in Lombardia praticamente raddoppia, arrivando al 6,8%.

 

De Carli Sara, www.vita.it, 08/04/2020

Parola chiave: Residenza Sanitaria Assistenziale, Ricerca

Visualizza altri Periodici In archivio sono presenti 117 Periodici

Inviaci le tue notizie

Puoi segnalarci: progetti, convegni, seminari, tutto ciò che può interessare chi si interessa della vita in età anziana.

Iscriviti alla newsletter

Resta sempre aggiornato e ricevi le più importanti notizie della settimana.