|

|

|

|

|


Regia

Lorre Chuck (ideatore)

Titolo

Il Metodo Kominsky
Con: Michael Douglas, Alan Arkin, Sarah Baker, Nancy Travis
USA, 2018, min.25 per episodio

Il Metodo Kominsky

Le nostre recensioni

(di Carlo Piloni)

 

Qualche settimana fa, in America, sono stati assegnati i Golden Globes. Simili agli Oscar, i Globes sono uno dei maggiori riconoscimenti nel settore cinematografico, ma si discostano dai primi perché premiano anche produzioni televisive e per la divisione dei film in due categorie: dramma e commedia/musical.

 

La cerimonia del 2019 si è tenuta nella notte tra il 6 e il 7 gennaio, a Beverly Hills. Tra i tanti premi, spicca la vittoria de Il Metodo Kominsky come miglior serie tv comedy. Prodotta da Netflix, la serie segue le vicende di Sandy Kominsky (Micheal Douglas), un ex attore divenuto insegnante di recitazione, e del suo amico e agente Norman Newlander (Alan Arkin). Immersi in un mondo sempre più “giovane” di loro, i due anziani protagonisti si trovano a fare i conti con la loro quotidianità, ostacolati dagli acciacchi dell’età e da qualche imprevisto.

 

Sandy dirige insieme alla figlia Mindy una scuola di recitazione di successo, luogo dove potersi riscattare da una carriera attoriale deludente e priva di particolari successi. È un uomo anziano spaventato dall’anzianità, con le sue sfide e i suoi problemi.

La morte di Eileen, moglie di Norman, suo migliore amico (nonché agente), dà il via al racconto, che a partire da quel momento analizza un’ampia varietà di temi: dalla solitudine al lutto, dal rapporto con le figlie (anche Norman ha una figlia, Phoebe, con cui però non va d’accordo) alla malattia, dall’amore alle fragilità della vecchiaia.

 

La struttura della serie (suddivisa in sole otto puntate della durata di circa mezz’ora) sembra non concedere un approfondimento adeguato per ognuno di questi temi. A ben vedere, però, quello che può essere inizialmente scambiato per superficialità non è altro che il vero pregio della serie, e cioè quel tono leggero che ci consente, senza scadere mai nel tragico o nel ridicolo, di seguire con garbo e ironia le vite di due persone che cercano, come tutti noi, di districarsi tra i piccoli o grandi inconvenienti della vita.

 

Quella ideata da Chuck Lorre (famoso grazie al grandissimo successo di “The Big Bang Theory”) è una serie che merita di essere vista. E se non dovessero bastare le risate genuine e i momenti di riflessione che è in grado di regalare, né lo sguardo inedito che ci propone sulla vecchiaia, varrebbe la pena guardarla anche solo per l’impeccabile recitazione di due grandi attori come Micheal Douglas e Alan Arkin.


(Fonte: )

Tutto il materiale e le informazioni presenti in questo Sito Web sono protetti dal diritto di copyright, ossia dal diritto di proprietà e tutti i contenuti del sito appartengono esclusivamente a Fondazione Leonardo. Tali contenuti possono includere immagini, fotografie, illustrazioni, testi, inserti video e audio, disegni, logotipi e marchi di fabbrica. Tutti i diritti sono riservati.

Le persone anziane fragili con alterazioni cognitive. Come intervenire nelle emergenze.

l’Associazione Italiana di Psicogeriatria e la Società Italiana di Gerontologia e Geriatria hanno stilato delle linee guida dal titolo “Le persone anziane fragili con alterazioni cognitive. Come intervenire nelle emergenze.”

I cortometraggi del concorso Corti di Lunga Vita verso la premiazione

Il concorso Corti di Lunga Vita, promosso dall’Associazione 50&Più, si avvia alla fase conclusiva. Il 10 dicembre, a Roma, verranno proclamati i vincitori di questa terza edizione, il cui tema è "Tutta la vita".

Ultimi inserimenti in Audiovisivo

 

Amadeus (Nick Nolte) ha 76 anni ed è malato di Alzheimer. Al funerale della moglie Maggie si presenta all'altare e imbastisce un elogio del seno generoso della consorte defunta, dopodiché si rintana a vivere nel disordine crescente della loro casa coniugale.

 

Regia di Schweiger Til, Germania, 2018

 

Sono passati 15 anni da quando uno sconosciuto ha rapito Samantha Andretti mentre tornava a casa da scuola.

 

Regia di Carrisi Donato , Italia, 2019

 

Diva del cinema francese, Fabienne Daugeville pubblica un libro di memorie e per l'occasione riceve la visita della figlia Lumir, sceneggiatrice che vive a New York con il marito Hank e la piccola Charlotte.

 

Regia di Kore'eda Hirokazu , Francia, 2019

Visualizza altri Audiovisivi In archivio sono presenti 356 Audiovisivi

Inviaci le tue notizie

Puoi segnalarci: progetti, convegni, seminari, tutto ciò che può interessare chi si interessa della vita in età anziana.

Iscriviti alla newsletter

Resta sempre aggiornato e ricevi le pi├╣ importanti notizie della settimana.