|

|

|

|

|


Autore

Data Notizia
09/01/2019

Fonte
Il Messaggero

Controllare l'udito evita la depressione

In base a una ricerca condotta dalla Columbia University, maggiore è la perdita di udito, maggiore è il rischio di peggioramento dei sintomi che conducono alla depressione. Infatti, il trattamento dell'ipoacusia potrebbe essere un modo per evitare la depressione tardiva.

È stato scoperto che chi ha una lieve perdita dell'udito ha quasi il doppio delle probabilità di avere sintomi di depressione clinicamente significativi rispetto agli anziani con udito normale. Chi ha una grave perdita dell'udito, invece, ha più di quattro volte le probabilità di avere sintomi depressivi.

Il ricercatore Justin S. Golub spiega: “È comprensibile che la perdita dell'udito possa contribuire a sintomi depressivi: le persone con problemi di udito hanno difficoltà a comunicare e tendono a diventare più socialmente isolate, e l'isolamento sociale può portare alla depressione.”


(Sintesi redatta da: Sonia Faraglia)

Tutto il materiale e le informazioni presenti in questo Sito Web sono protetti dal diritto di copyright, ossia dal diritto di proprietà e tutti i contenuti del sito appartengono esclusivamente a Fondazione Leonardo. Tali contenuti possono includere immagini, fotografie, illustrazioni, testi, inserti video e audio, disegni, logotipi e marchi di fabbrica. Tutti i diritti sono riservati.

Sessantenni e startupper: i nuovi giovani-vecchi e il mercato del lavoro

Il Financial Times li definisce giovani-vecchi: sono i sessantenni di oggi.

Assistenza agli anziani: tra assistenza sanitaria e badanti

Il nostro è un Paese anziano con uno scarso numero di servizi. Dal Rapporto sull’innovazione e il cambiamento nel settore Long term care, realizzato da Cergas SDA Bocconi e presentato a Milano, si evidenzia che gli anziani non autosufficienti sono in aumento del 4,6%, così come sono in aumento coloro che sono seguiti dai servizi pubblici residenziali e diurni.

Ultimi inserimenti in Notizia

 

Si chiamano parchi biosalutari i luoghi di divertimento adatti a tutte le età. È un progetto che nasce in Spagna a Bilbao, con lo scopo di permettere alle persone anziane di combattere la solitudine e fare attività fisica per mantenersi in forma.

 

Scritto da Lacchi Nives il 15/10/2019

Parola chiave: Attività fisica, Rapporti intergenerazionali

 

La Doxa ha diffuso i dati della ricerca Il ruolo sociale dei nonni nella famiglia di oggi. Lo studio è stato condotto su nonni tra i 55 e gli 85 anni, con nipoti tra 0 e 14 anni di età.

 

Scritto da Mathieu Enza il 14/10/2019

Parola chiave: Rapporto nonni nipoti

 

A Roma, durante l’incontro chiamato Dieta giapponese e prevenzione oncologica, si è parlato del modello nutrizionale giapponede e dei benefici che esso può dare; a partire dall'aumento della speranza di vita sino a 85 anni alla riduzione del rischio di contrarre tumore alla prostata, diabete e malattie cardiovascolari.

 

Scritto da Faraglia Sonia il 14/10/2019

Parola chiave: Alimentazione, Prevenzione, Prostata

Visualizza altri Notizie In archivio sono presenti 5940 Notizie

Inviaci le tue notizie

Puoi segnalarci: progetti, convegni, seminari, tutto ciò che può interessare chi si interessa della vita in età anziana.

Iscriviti alla newsletter

Resta sempre aggiornato e ricevi le più importanti notizie della settimana.