|

|

|

|

|


Autore

Data Notizia
30/01/2019

Fonte
www.huffingtonpost.it

Una alimentazione ricca di carboidrati potrebbe allungare la vita?

Tra gli abitanti delle isole di Okinawa (Giappone), ogni 100mila abitanti, si contano ben 68 centenari (più di tre volte il numero riscontrato in altre popolazioni a livello mondiale).

Secondo una ricerca dell'Università di Sidney, il segreto sarebbe una alimentazione ad alto apporto di carboidrati e scarsa di proteine; rappresentata per lo più dall'assunzione di pesce magro, soia, vegetali e patata dolce. Infatti lo studio ha evidenziato come le diete a basso contenuto proteico e ad alto contenuto di carboidrati abbiano anche effetti protettivi per il cervello e prevengano l'insorgere di malattie neurodegenerative come l'Alzheimer. Ulteriori ricerche hanno mostrato come i centenari di Okinawa, in genere, non presentino malattie cardiovascolari e placche calcificate attorno alle arterie, oltre al fatto che sono pochi quelli affetti da cancro, diabete e demenza rispetto ad altre popolazioni anziane nel mondo.

Comunque, gli scienziati specificano che ad influire sulla longevità sono anche altri aspetti dello stile di vita, sicuramente più sano rispetto a quello di altre popolazioni.


(Tratto dall’articolo www.huffingtonpost.it)

Tutto il materiale e le informazioni presenti in questo Sito Web sono protetti dal diritto di copyright, ossia dal diritto di proprietà e tutti i contenuti del sito appartengono esclusivamente a Fondazione Leonardo. Tali contenuti possono includere immagini, fotografie, illustrazioni, testi, inserti video e audio, disegni, logotipi e marchi di fabbrica. Tutti i diritti sono riservati.

Telemedicina: efficace e in grado di produrre risparmi

Il convegno "Long Term Care. Aging in place", svoltosi a Firenze, ha riunito esperti di varie parti del mondo che hanno discusso delle potenzialità della telemedicina al fine di garantire adeguata assistenza soprattutto agli anziani malati cronici.

Età biologica e invecchiamento demografico

Chi vive in un Paese in via di sviluppo invecchia precocemente rispetto a chi nasce in un Paese industrializzato e la differenza d’età biologica può arrivare anche a 30 anni. A dimostrarlo è uno studio scientifico condotto in varie nazioni del mondo e pubblicato su Lancet Public Health.

Ultimi inserimenti in Notizia

 

Grazie a un casco si ricreano gli effetti della visione tubolare, causata dalla restrizione del campo visivo, e di ciò che accade in seguito al danneggiamento della parte centrale della retina. Un ronzio nelle orecchie e/o una riproduzione di suoni ovattati simulano la difficoltà di sentire delle persone avanti con gli anni. I disturbi linguistici vengono simulati attraverso un microfono inserito nel casco che trasmette le parole con un leggero ritardo. Lo sforzo maggiore viene proposto durante una passeggiata simulata: il robot riproduce l’affaticamento, la rigidità dei muscoli e delle articolazioni e sono sufficienti pochi passi per variare, accelerando, il battito cardiaco.

 

Scritto da Lacchi Nives il 12/04/2019

Parola chiave: Tecnologia

 

Da uno studio pubblicato su The Lancet, rivista scientifica inglese di ambito medico, si apprende che mangiare male uccide più del fumo, della pressione alta e di qualunque altro fattore di rischio.

 

Scritto da Lacchi Nives il 12/04/2019

Parola chiave: Alimentazione

 

La Fondazione Banco Alimentare Onlus, in collaborazione con Kellogg, ha istituito il progetto Evviva la colazione con un triplice obiettivo: raccogliere cibo per la prima colazione, far compagnia agli anziani soli e offrirgli suggerimenti per una buona alimentazione.

 

Scritto da Faraglia Sonia il 12/04/2019

Parola chiave: Abitazione, Alimentazione

Visualizza altri Notizie In archivio sono presenti 5983 Notizie

Inviaci le tue notizie

Puoi segnalarci: progetti, convegni, seminari, tutto ciò che può interessare chi si interessa della vita in età anziana.

Iscriviti alla newsletter

Resta sempre aggiornato e ricevi le più importanti notizie della settimana.