|

|

|

|

|


Autore

Fonte
www.ilfattoquotidiano.it
26/01/2019

Sesso e anziani, la terza età può essere una nuova adolescenza

Negli ultimi anni l'aspettativa di vita si è molto allungata (85 anni per la donna, 82 anni per l'uomo), quindi è indispensabile occuparsi della sessualità anche negli anziani, che dovrebbe essere considerata una componente importante nella qualità della vita.

Quando si parla di terza età, quello che viene sottolineato è la perdita della giovinezza e l'aumento dei disagi fisici quindi capita che sia difficile pensare che gli anziani possano avere il desiderio di impegnarsi in attività sessuali. Questo perché si fa riferimento a un modello di sessualità esclusivamente basato sul modello dell'adulto, anziché su un modello integrato che cambia dall'infanzia alla vecchiaia.  

Le limitazioni funzionali possono rappresentare delle opportunità nelle persone anziane nel ridefinire i loro copioni sessuali, anche enfatizzando il ruolo degli scambi non-coitali e ricercando un nuovo significato nell'intimità e nella soddisfazione sessuale.


(Fonte: www.ilfattoquotidiano.it)

Tutto il materiale e le informazioni presenti in questo Sito Web sono protetti dal diritto di copyright, ossia dal diritto di proprietà e tutti i contenuti del sito appartengono esclusivamente a Fondazione Leonardo. Tali contenuti possono includere immagini, fotografie, illustrazioni, testi, inserti video e audio, disegni, logotipi e marchi di fabbrica. Tutti i diritti sono riservati.

Coronavirus, alla guida della macchina dei soccorsi giovani zero. Solo anziani

Pochi i giovani sia nei posti di responsabilità della sanità, sia in quelli del soccorso. Il virus attacca maggiormente gli anziani, gli ultrasessantenni. Ma la prima linea del fronte che deve respingere l’attacco è formata da ultrasessantenni.

L'olio fa bene al cervello

Si chiama idrossitirosolo, è il componente anti-invecchiamento presente nell'olio EVO, il quale è stato studiato da una squadra di ricercatori dell'Università della Tuscia.

Ultimi inserimenti in Periodico

 

Dopo il coronavirus è necessario ripensare il ruolo delle RSA. La reputazione delle grandi strutture residenziali per anziani è inesorabilmente segnata, spingendo sempre più le famiglie a considerarle una opzione limite, di ultima istanza, accelerandone la trasformazione verso grandi hospice. Per non finire così le Rsa dovranno ripensarsi e adattarsi a bisogni che saranno cambiati.

 

Pasquinelli Sergio, www.vita.it, 01/05/2020

Parola chiave: Assistenza Domiciliare, Operatore socio-assistenziale e sanitario, Residenza Sanitaria Assistenziale

 

ll sondaggio sul contagio da COVID-19 nelle RSA, realizzato dall'Istituto Superiore di Sanità a cavallo tra marzo e aprile, ha evidenziato che il tasso di mortalità fra i residenti, considerando i decessi di persone risultate positive o con sintomi simil-influenzali, è in media del 3,1% ma in Lombardia praticamente raddoppia, arrivando al 6,8%.

 

De Carli Sara, www.vita.it, 08/04/2020

Parola chiave: Residenza Sanitaria Assistenziale, Ricerca

 

"Non è umanamente sopportabile impedire le celebrazioni dei funerali alle tantissime famiglie colpite da un lutto. Proporrò al governo, in vista della fase di graduale riapertura, di compiere un passo concreto: dobbiamo poter tornare a celebrare i funerali, seppure alla presenza soltanto degli stretti congiunti, nel rispetto delle misure di distanziamento fisico dei partecipanti".

 

AGI, www.agi.it, 23/04/2020

Parola chiave: Religione

Visualizza altri Periodici In archivio sono presenti 116 Periodici

Inviaci le tue notizie

Puoi segnalarci: progetti, convegni, seminari, tutto ciò che può interessare chi si interessa della vita in età anziana.

Iscriviti alla newsletter

Resta sempre aggiornato e ricevi le più importanti notizie della settimana.