|

|

|

|

|


Autore

Data Notizia
26/02/2019

Fonte
www.corrierecomunicazioni.it

In Italia cresce la consapevolezza dei rischi informatici

Dall’indagine su consapevolezza e percezione dei rischi digitali (condotta in Europa e Usa da Cyber & Digital Protection di Europ Assistance) emerge che meno di un italiano su due (48%) protegge il proprio smartphone da possibili virus o malware, mentre Pc e Mac sono provvisti di adeguate protezioni nell’88% dei casi.

Gli italiani si dichiarano preoccupati dei rischi dei crimini informatici: furto di identità, protezione di bambini e anziani, cyber bullismo; mentre sono tra gli ultimi per quanto riguarda la conoscenza di adeguate contromisure. Solo il 32% (con una media EU del 37) è informato su soluzioni di protezione; invece negli Stati Uniti si registra una media del 65% di consumatori attenti a questo genere di soluzioni.

Per quanto riguarda la percezione dell’esposizione personale ai rischi informatici nel nostro paese è tra le più alte d’Europa. Il 39% degli italiani si dichiara vulnerabile al pericolo di attacco informatico e furto d’identità, a fronte di una media Europea del 30%. Questa preoccupazione in Italia si alza ulteriormente quando il focus si sposta su bambini e anziani, registrando livelli tra i più alti in Europa insieme alla Spagna.


(Tratto dall’articolo www.corrierecomunicazioni.it)

Tutto il materiale e le informazioni presenti in questo Sito Web sono protetti dal diritto di copyright, ossia dal diritto di proprietà e tutti i contenuti del sito appartengono esclusivamente a Fondazione Leonardo. Tali contenuti possono includere immagini, fotografie, illustrazioni, testi, inserti video e audio, disegni, logotipi e marchi di fabbrica. Tutti i diritti sono riservati.

La solitudine accomuna anziani e caregiver

Il prof. Marco Trabucchi, psicogeriatra, in un articolo su Avvenire del 15 marzo 2019 evidenzia una situazione ormai diffusa non solo in Italia: crescono gli anziani, molti dei quali colpiti dal dramma della solitudine, condizione che li accomuna spesso anche ai loro caregiver.

Un nuovo progetto per l'integrazione

“Coltiviamoci, insieme si può” è un progetto nato in Abruzzo con l’obiettivo di promuovere uno scambio di esperienze tra generazioni diverse e categorie fragili, sensibilizzando i giovani al volontariato.

Ultimi inserimenti in Notizia

 

I ricercatori della St George’s University di Londra, guidati da Tess Harris, hanno esaminato i dati relativi a 1.297 partecipanti a studi clinici sulla attività motoria registrata dal contapassi. Metà dei partecipanti è stata invitata ad usare il contapassi per 12 settimane mentre all’altra metà è stato chiesto utilizzarlo.

 

Scritto da Coppi Mariarosa il 15/07/2019

Parola chiave: Disturbi e malattie legati all'invecchiamento, Osteoporosi, Qualità della vita

 

Il magazine di Vita disponibile da luglio 2019 non si sofferma solo sul dato demografico che conferma l'allungamento della vita e la maggiore presenza percentuale nella società degli anziani, ma indica come necessario un cambio di paradigma economico e sociale dentro il quale il Terzo settore può essere un protagonista.

 

Scritto da Desanti Gianni il 11/07/2019

Parola chiave: Invecchiamento attivo

 

In base al progetto di Birra Moretti Deliver-A-Nonna, dal 22 al 27 luglio a Londra e Brighton gli abitanti potranno ospitare una nonna italiana che cucinerà a domicilio. Le nonne proporranno tre piatti e gli ospitanti potranno cimentarsi a cucinare assieme. 

 

Scritto da Faraglia Sonia il 10/07/2019

Parola chiave: Tempo libero, hobbies

Visualizza altri Notizie In archivio sono presenti 5994 Notizie

Inviaci le tue notizie

Puoi segnalarci: progetti, convegni, seminari, tutto ciò che può interessare chi si interessa della vita in età anziana.

Iscriviti alla newsletter

Resta sempre aggiornato e ricevi le più importanti notizie della settimana.