|

|

|

|

|


Autore

Fonte
www.neodemos.info
21/02/2019

Anziani sempre più "giovanili": evitiamo le letture superficiali

All’ultimo congresso annuale dei geriatri italiani (SIGG) è stato proposto di alzare la tradizionale soglia dell’anzianità da 65 a 75 anni. Questa nuova definizione dell’età anziana non è una sorta di maquillage giovanilistico ma trova essenzialmente le sue giustificazioni in almeno due ordini di motivi.

La prima ragione sta nella brillante demografia della longevità. La speranza di vita alla nascita è pari a 82,8 anni (dato 2016), un dato costruito sulla base di progressi storicamente continui e che ha interessato in particolare proprio le età più anziane.

Il secondo motivo, più qualitativo, è dato dal netto miglioramento delle complessive condizioni funzionali e di salute della fascia di età compresa tra i 65 ed i 75 anni. Secondo i geriatri italiani ormai un 65enne di oggi ha la forma fisica e cognitiva di un 45enne di 30 anni fa

Tuttavia l’invecchiamento longevo presenta anche il suo lato oscuro trascinando un carico sempre maggiore di patologie croniche, comprese quelle disabilitanti. Si moltiplica ovunque la multimorbilità, cioè la compresenza di più patologie, che grava soprattutto sulla popolazione in età avanzata e incide negativamente sulla spesa sanitaria pubblica.

La tendenza della “giovanilizzazione” dei sessantenni e dei settantenni proposta dai geriatri, enfatizzata dai modelli culturali e adottata come riferimento per le riforme previdenziali potrebbe dunque richiedere un ripensamento e qualche correttivo alla luce di queste tendenze epidemiologiche.


(Fonte: www.neodemos.info)

Tutto il materiale e le informazioni presenti in questo Sito Web sono protetti dal diritto di copyright, ossia dal diritto di proprietà e tutti i contenuti del sito appartengono esclusivamente a Fondazione Leonardo. Tali contenuti possono includere immagini, fotografie, illustrazioni, testi, inserti video e audio, disegni, logotipi e marchi di fabbrica. Tutti i diritti sono riservati.

Le pensioni sono sufficienti per garantirsi l'assistenza familiare?

Dal risultato dell’analisi condotta per Il Sole 24 Ore del lunedì da Domina (associazione nazionale di famiglie datori di lavoro domestico), emerge che con la sola pensione il 52,9% degli anziani può permettersi l’assistenza di un lavoratore domestico per appena cinque ore alla settimana. Il 17,8% può pagare un aiuto per 25 ore e appena il 9,5% può aspirare a una badante convivente.

Vuoi ringiovanire le arterie? Prepararati alla maratona

Uno studio condotto dalla University College London su 139 "aspiranti maratoneti" tra i 21 e i 69 anni, ha evidenziato che attraverso un allenamento semestrale, si può ridurre di quattro unità la riduzione della pressione arteriosa, aumentando l'elasticità delle arterie di quattro anni.

Ultimi inserimenti in Periodico

 

Il riso è indicato come sostituto della pasta, soprattutto per gli over 50, per le sue benefiche proprietà nutrizionali e per le sue qualità organolettiche.

 

, www.altraeta.it, 30/04/2019

Parola chiave: Alimentazione

 

Sindrome Italia è la definizione utilizzata in Romania per i problemi di salute mentale accusati da chi ha lavorato come badante in Italia.

 

Raso Beatrice, www.meteoweb.eu, 26/02/2019

Parola chiave: Assistente familiare, badante

 

Nell’era digitale in cui i giovani sembrano i detentori del sapere, la Modern Elder Academy (MEA) si propone come il luogo in cui i senior possono valorizzare le proprie capacità.

 

Russo Linda, www.centrostudi.50epiu.it, 26/03/2019

Parola chiave: Educazione permanente, Lavoro nella terza età

Visualizza altri Periodici In archivio sono presenti 76 Periodici

Inviaci le tue notizie

Puoi segnalarci: progetti, convegni, seminari, tutto ciò che può interessare chi si interessa della vita in età anziana.

Iscriviti alla newsletter

Resta sempre aggiornato e ricevi le più importanti notizie della settimana.