|

|

|

|

|


Autore

Data Notizia
13/03/2019

Fonte
www.fondazioneveronesi.it

Minor consumo di sale a beneficio di cuore ed arterie

Numerosi studi confermano il beneficio che la riduzione del consumo di sale porterebbe sui valori pressori. Il quantitativo giornaliero non dovrebbe superare i cinque grammi, tra quelli naturalmente presenti negli alimenti e quelli aggiunti. Ovvero: l'equivalente di un cucchiaino da caffè, per non mettere a rischio il cuore e le arterie.

La precisazione giunge nel corso della settimana per la riduzione dei consumi di sale, che quest'anno ha rappresentato l'occasione per puntualizzare un'evidenza scientifica consolidata, ma rimessa in discussione negli ultimi anni: il ruolo che l'eccesso di sale assunto attraverso la dieta gioca nell'insorgenza dell'ipertensione. Un aspetto su cui non ci possono essere più dubbi, nonostante una serie di recenti pubblicazioni abbiano generato una controversia scientifica e dubbi sulla convenienza della correzione dell’abuso di sale.

La posizione espressa dagli esperti italiani, condivisa anche dall'Organizzazione Mondiale della Sanità, mantiene validi  i seguenti suggerimenti: diminuire il consumo di sale, scolare e sciacquare verdure e fagioli in scatola, mangiare più frutta e verdure fresche e, per aggiungere sapore ai piatti usare erbe, spezie, aglio e limone (al posto del sale).


(Tratto dall’articolo www.fondazioneveronesi.it)

Tutto il materiale e le informazioni presenti in questo Sito Web sono protetti dal diritto di copyright, ossia dal diritto di proprietà e tutti i contenuti del sito appartengono esclusivamente a Fondazione Leonardo. Tali contenuti possono includere immagini, fotografie, illustrazioni, testi, inserti video e audio, disegni, logotipi e marchi di fabbrica. Tutti i diritti sono riservati.

Firenze: nasce nuovo centro orientamento per Alzheimer

A Firenze verrà aperto il nuovo sportello Montedomini, il polo di riferimento per l’Alzheimer che si occuperà di aiutare le famiglie di persone con questa patologia.

Vuoi ringiovanire le arterie? Prepararati alla maratona

Uno studio condotto dalla University College London su 139 "aspiranti maratoneti" tra i 21 e i 69 anni, ha evidenziato che attraverso un allenamento semestrale, si può ridurre di quattro unità la riduzione della pressione arteriosa, aumentando l'elasticità delle arterie di quattro anni.

Ultimi inserimenti in Notizia

 

A Lisbona, nel laboratorio di arte urbana Lata 65, noti artisti di strada hanno fornito insegnamenti di base agli anziani sulla street art; coinvolgendo otto donne e tre uomini, di età compresa tra 59 e 90 anni.

 

Scritto da Faraglia Sonia il 11/06/2019

Parola chiave: Animazione, Arte, creatività, Contesto urbano

 

Dal rapporto sul Benessere Equo e Sostenibile (Bes), diffuso dall’Istat il 29 maggio scorso, emerge che a dicembre 2018 la speranza di vita alla nascita è di 82,7 anni a livello nazionale.

 

Scritto da Lacchi Nives il 14/06/2019

Parola chiave: Analisi demografica, Longevità

 

L'Università di Padova, in collaborazione con l'americana Harvard Medical School, sta studiando la sperimentazione di un indumento tecnologico che possa prevenire le cadute in soggetti anziani. Si tratterebbe di un guscio morbido, un capo di abbigliamento per correggere, sostenere ed evitare la perdita di equilibrio prevenendo il rischio di fratture e disabilità tipiche dell'età.

 

Scritto da Desanti Gianni il 11/06/2019

Parola chiave: Ausili, Tecnologia

Visualizza altri Notizie In archivio sono presenti 5974 Notizie

Inviaci le tue notizie

Puoi segnalarci: progetti, convegni, seminari, tutto ciò che può interessare chi si interessa della vita in età anziana.

Iscriviti alla newsletter

Resta sempre aggiornato e ricevi le più importanti notizie della settimana.