|

|

|

|

|


Autore

Fonte
www.meteoweb.eu
26/02/2019

Sindrome Italia. Ecco il disturbo che colpisce le badanti straniere nel nostro Paese

Sindrome Italia è la definizione utilizzata in Romania per i problemi di salute mentale accusati da chi ha lavorato come badante in Italia.

Nella piccola stanza del Socola Psychiatric Institute di Iasi, le donne raccontano le difficoltà di lasciare figli anche piccoli a casa, di patire sofferenze dovute al troppo lavoro, alla lontananza da casa e alla solitudine.

La Sindrome Italia non è una diagnosi scientificamente riconosciuta: la definizione è stata inventata da due psichiatri ucraini nel 2005 ed è composta da stress fisico e psicologico.

La mancanza di flessibilità, in questo tipo di lavoro, o di poter godere di forme come il part-time, così come un’interpretazione errata di “vitto e alloggio”, rende la vita delle badanti difficile, faticosa e stressante.

Secondo l’INPS ci sono oltre 800.000 persone che lavorano come badanti in Italia con regolare contratto. La richiesta per il loro lavoro è molto alta in un Paese con 13,4 milioni di anziani, terzo a livello mondiale in termini di aspettativa di vita.

Viene da chiedersi: le badanti badano ai nostri anziani, ma chi bada alle badanti?


(Fonte: www.meteoweb.eu)

Tutto il materiale e le informazioni presenti in questo Sito Web sono protetti dal diritto di copyright, ossia dal diritto di proprietà e tutti i contenuti del sito appartengono esclusivamente a Fondazione Leonardo. Tali contenuti possono includere immagini, fotografie, illustrazioni, testi, inserti video e audio, disegni, logotipi e marchi di fabbrica. Tutti i diritti sono riservati.

Molti anziani usano lo smartphone

Ormai non è più una novità: stando ad una ricerca di Top Doctors, ben sei nonni su dieci possiedono uno smartphone; il 42% addirittura non può più farne a meno, mentre solo il 19%, nonostante abbia un telefono di ultima generazione, lo utilizza solo per chiamare o al massimo inviare messaggi. Resiste ancora un 39% con la cornetta del telefono fisso o al massimo con un telefono analogico.

Alzheimer: questo sconociuto

Nel rapporto diffuso in occasione della Giornata mondiale dell’Alzheimer dello scorso settembre, è emerso che due terzi degli intervistati pensa ancora che la demenza sia conseguenza del normale invecchiamento.

Ultimi inserimenti in Periodico

 

Nei giorni scorsi Beppe Grillo, guru politico 5 stelle, con una provocazione tra il cinico e lo spaventoso ha detto di voler togliere il voto agli anziani. 

 

Mossetti Paolo, www.wired.it, 21/10/2019

Parola chiave: Analisi demografica, Conflitti generazionali, Diritti degli anziani

 

Il Giappone, paese in cui gli over 65 sono il 25% della popolazione, punta sulle nuove tecnologie per migliorare la qualità della vita degli anziani e per ottimizzare gli interventi sanitari. Le soluzioni elaborate dal Giappone sono state presentate a un vertice internazionale a Tokyo, dove si sono riuniti scienziati, funzionari, startup e delegazioni provenienti da tutto il mondo.

 

Rosmino Claudio, it.euronews.com, 30/10/2019

Parola chiave: Servizi assistenziali, Tecnologia

 

Le forti parole di Grillo arrivano proprio nel momento in cui è sempre più intenso il dibattito sulla possibilità di allargare il diritto di voto anche ai giovani dai 16 anni in su.

 

Bozza Claudio, www.corriere.it, 18/10/2019

Parola chiave: Analisi demografica, Diritti degli anziani

Visualizza altri Periodici In archivio sono presenti 89 Periodici

Inviaci le tue notizie

Puoi segnalarci: progetti, convegni, seminari, tutto ciò che può interessare chi si interessa della vita in età anziana.

Iscriviti alla newsletter

Resta sempre aggiornato e ricevi le più importanti notizie della settimana.