|

|

|

|

|


Autore

Data Notizia
28/04/2019

Fonte
www.centrostudi.50epiu.it

Come allenare la memoria

Il neurologo Alain Robillard sostiene che la memoria può essere disturbata da fattori quali: la mancanza di concentrazione, il sovraccarico di lavoro o l’affaticamento, la depressione, l’apnea notturna, la carenza di vitamina B 12 o alti livelli di stress.

Per poter limitare questi fattori, lo specialista consiglia alcune strategie: in primo luogo stimolare il cervello ogni giorno (leggere, scrivere, fare cruciverba, giocare a scacchi) perché questo consente di creare connessioni neurali; in secondo luogo muoversi perché l'esercizio fisico attiva la circolazione sanguigna e assicura l'ossigeno al cervello; in terzo luogo seguire un'alimentazione sana, ottima soluzione è la dieta mediterranea; in quarto luogo ridurre lo stress, ad esempio la meditazione può ampliare le funzioni cognitive; in quinto luogo dormire bene, in quanto durante il sonno l'ippocampo e la corteccia comunicano meglio e integrano le informazioni; infine mantenere una vita sociale attiva. L'interazione con gli altri aiuta ad essere più reattivi e a mantenere allenata la memoria.


(Sintesi redatta da: Sonia Faraglia)

Tutto il materiale e le informazioni presenti in questo Sito Web sono protetti dal diritto di copyright, ossia dal diritto di proprietà e tutti i contenuti del sito appartengono esclusivamente a Fondazione Leonardo. Tali contenuti possono includere immagini, fotografie, illustrazioni, testi, inserti video e audio, disegni, logotipi e marchi di fabbrica. Tutti i diritti sono riservati.

Le pensioni sono sufficienti per garantirsi l'assistenza familiare?

Dal risultato dell’analisi condotta per Il Sole 24 Ore del lunedì da Domina (associazione nazionale di famiglie datori di lavoro domestico), emerge che con la sola pensione il 52,9% degli anziani può permettersi l’assistenza di un lavoratore domestico per appena cinque ore alla settimana. Il 17,8% può pagare un aiuto per 25 ore e appena il 9,5% può aspirare a una badante convivente.

La salute vien ballando

L'University of Technology, in collaborazione con l'accademia australiana Queensland Ballet, ha ideato il progetto Ballet Moves for Adult Creative Health. L'obiettivo del progetto è la misurazione del benessere fisico e cognitivo dei partecipanti dopo aver seguito 10 lezioni consecutive di balletto.

Ultimi inserimenti in Notizia

 

I ricercatori della St George’s University di Londra, guidati da Tess Harris, hanno esaminato i dati relativi a 1.297 partecipanti a studi clinici sulla attività motoria registrata dal contapassi. Metà dei partecipanti è stata invitata ad usare il contapassi per 12 settimane mentre all’altra metà è stato chiesto utilizzarlo.

 

Scritto da Coppi Mariarosa il 15/07/2019

Parola chiave: Disturbi e malattie legati all'invecchiamento, Osteoporosi, Qualità della vita

 

Il magazine di Vita disponibile da luglio 2019 non si sofferma solo sul dato demografico che conferma l'allungamento della vita e la maggiore presenza percentuale nella società degli anziani, ma indica come necessario un cambio di paradigma economico e sociale dentro il quale il Terzo settore può essere un protagonista.

 

Scritto da Desanti Gianni il 11/07/2019

Parola chiave: Invecchiamento attivo

 

In base al progetto di Birra Moretti Deliver-A-Nonna, dal 22 al 27 luglio a Londra e Brighton gli abitanti potranno ospitare una nonna italiana che cucinerà a domicilio. Le nonne proporranno tre piatti e gli ospitanti potranno cimentarsi a cucinare assieme. 

 

Scritto da Faraglia Sonia il 10/07/2019

Parola chiave: Tempo libero, hobbies

Visualizza altri Notizie In archivio sono presenti 5994 Notizie

Inviaci le tue notizie

Puoi segnalarci: progetti, convegni, seminari, tutto ciò che può interessare chi si interessa della vita in età anziana.

Iscriviti alla newsletter

Resta sempre aggiornato e ricevi le più importanti notizie della settimana.