|

|

|

|

|


Autore

Data Notizia
24/06/2019

Fonte
www.vita.it

In Italia 24 Comunità Amiche delle Persone con Demenza

Si chiamano Comunità Amiche delle Persone con Demenza i luoghi dove ascolto, comprensione e inclusione sono le parole d’ordine e dove si impara a conoscere la demenza per eliminare lo stigma nei confronti dei malati e dei loro familiari, permettendo loro di partecipare alla vita attiva della comunità.

Oggi in Italia sono 24 i paesi e porzioni di città, da nord a sud e da est a ovest, che hanno accolto la sfida della Federazione Alzheimer di avviare sul proprio territorio un percorso dove i cittadini abbiano la possibilità di trasformarsi in una rete di cittadini, capace di accogliere e coinvolgere le persone e migliorare così la loro qualità di vita.

Come dice Gabriella Salvini Porro, presidente della Federazione Alzheimer Italia: “Con l’impegno in nome del motto Working to become e con il passaparola delle iniziative territoriali già avviate, siamo pronti ad accogliere tutte le realtà decise a percorrere con noi la strada verso comunità e paesi aperti all’inclusione delle persone con demenza e dei loro familiari”.


(Tratto dall’articolo www.vita.it)

Tutto il materiale e le informazioni presenti in questo Sito Web sono protetti dal diritto di copyright, ossia dal diritto di proprietà e tutti i contenuti del sito appartengono esclusivamente a Fondazione Leonardo. Tali contenuti possono includere immagini, fotografie, illustrazioni, testi, inserti video e audio, disegni, logotipi e marchi di fabbrica. Tutti i diritti sono riservati.

Cambiano le abitudini: vacanze più brevi ma più frequenti

Da una ricerca europea promossa dalla società di autonoleggio Avis Budget Group, emerge un cambiamento dei costumi piuttosto significativo. Si scopre infatti che il 67% degli italiani che ricorrono alla macchina per le loro vacanze preferisce effettuare nel corso dell'anno più mini-viaggi della durata di uno o pochi giorni, piuttosto che un maxi tour al volante di una o più settimane, come avveniva in passato.

Anche da anziani si può sviluppare massa muscolare

Secondo uno studio dell’Università di Birmingham, pubblicato su Frontiers in Physiology, anche quando si è anziani la capacità di costruire massa muscolare è la stessa degli atleti.

Ultimi inserimenti in Notizia

 

Si chiamano parchi biosalutari i luoghi di divertimento adatti a tutte le età. È un progetto che nasce in Spagna a Bilbao, con lo scopo di permettere alle persone anziane di combattere la solitudine e fare attività fisica per mantenersi in forma.

 

Scritto da Lacchi Nives il 15/10/2019

Parola chiave: Attività fisica, Rapporti intergenerazionali

 

La Doxa ha diffuso i dati della ricerca Il ruolo sociale dei nonni nella famiglia di oggi. Lo studio è stato condotto su nonni tra i 55 e gli 85 anni, con nipoti tra 0 e 14 anni di età.

 

Scritto da Mathieu Enza il 14/10/2019

Parola chiave: Rapporto nonni nipoti

 

A Roma, durante l’incontro chiamato Dieta giapponese e prevenzione oncologica, si è parlato del modello nutrizionale giapponede e dei benefici che esso può dare; a partire dall'aumento della speranza di vita sino a 85 anni alla riduzione del rischio di contrarre tumore alla prostata, diabete e malattie cardiovascolari.

 

Scritto da Faraglia Sonia il 14/10/2019

Parola chiave: Alimentazione, Prevenzione, Prostata

Visualizza altri Notizie In archivio sono presenti 5940 Notizie

Inviaci le tue notizie

Puoi segnalarci: progetti, convegni, seminari, tutto ciò che può interessare chi si interessa della vita in età anziana.

Iscriviti alla newsletter

Resta sempre aggiornato e ricevi le più importanti notizie della settimana.