|

|

|

|

|


Autore

Data Notizia
12/09/2019

Fonte
www.altraeta.it

Caffè: quante tazzine al giorno?

Il caffè non fa male alle arterie come si credeva fino a non molto tempo fa: a sostenerlo è una recente ricerca della Queen Mary University di Londra, che ha coinvolto oltre 8 mila persone.

Questa bevanda non è responsabile del tanto temuto irrigidimento dei vasi sanguigni; al contrario, grazie all’elevato contenuto di polifenoli antiossidanti, il caffè può addirittura diminuire il rischio cardiovascolare. Assumerne una giusta quantità riduce fino al 15% la probabilità di eventi traumatici come infarti e ictus.

Superare le sei tazzine al giorno può rivelarsi dannoso: l’azione della caffeina può aumentare di molto la pressione arteriosa mettendo a rischio cuore e apparato circolatorio.

Secondo l’European Food Safety Authority consumare in una sola volta fino a 200 milligrammi di caffeina o assumerne fino a 400 milligrammi nell’arco di una giornata non provoca una tossicità apprezzabile; tuttavia è bene considerare la tolleranza che ciascuno sviluppa verso la molecola della caffeina e impari a capire la propria reazione al caffè.

Sempre secondo l’indagine londinese la dose ideale di caffè è dalle tre alle cinque tazzine al giorno. La prima tazza andrebbe consumata intorno alle dieci del mattino e non appena svegli, come si è soliti fare: a quell’ora inizia infatti a svanire la funzione eccitante svolta dal cortisolo prodotto naturalmente dall’organismo presente al momento del risveglio.


(Tratto dall’articolo www.altraeta.it)

Tutto il materiale e le informazioni presenti in questo Sito Web sono protetti dal diritto di copyright, ossia dal diritto di proprietà e tutti i contenuti del sito appartengono esclusivamente a Fondazione Leonardo. Tali contenuti possono includere immagini, fotografie, illustrazioni, testi, inserti video e audio, disegni, logotipi e marchi di fabbrica. Tutti i diritti sono riservati.

21 settembre giornata mondiale dell'Alzheimer

Il 21 settembre è, dal 1994, la giornata mondiale dedicata all’Alzheimer.

Alzheimer: questo sconociuto

Nel rapporto diffuso in occasione della Giornata mondiale dell’Alzheimer dello scorso settembre, è emerso che due terzi degli intervistati pensa ancora che la demenza sia conseguenza del normale invecchiamento.

Ultimi inserimenti in Notizia

 

Si chiamano parchi biosalutari i luoghi di divertimento adatti a tutte le età. È un progetto che nasce in Spagna a Bilbao, con lo scopo di permettere alle persone anziane di combattere la solitudine e fare attività fisica per mantenersi in forma.

 

Scritto da Lacchi Nives il 15/10/2019

Parola chiave: Attività fisica, Rapporti intergenerazionali

 

La Doxa ha diffuso i dati della ricerca Il ruolo sociale dei nonni nella famiglia di oggi. Lo studio è stato condotto su nonni tra i 55 e gli 85 anni, con nipoti tra 0 e 14 anni di età.

 

Scritto da Mathieu Enza il 14/10/2019

Parola chiave: Rapporto nonni nipoti

 

A Roma, durante l’incontro chiamato Dieta giapponese e prevenzione oncologica, si è parlato del modello nutrizionale giapponede e dei benefici che esso può dare; a partire dall'aumento della speranza di vita sino a 85 anni alla riduzione del rischio di contrarre tumore alla prostata, diabete e malattie cardiovascolari.

 

Scritto da Faraglia Sonia il 14/10/2019

Parola chiave: Alimentazione, Prevenzione, Prostata

Visualizza altri Notizie In archivio sono presenti 5940 Notizie

Inviaci le tue notizie

Puoi segnalarci: progetti, convegni, seminari, tutto ciò che può interessare chi si interessa della vita in età anziana.

Iscriviti alla newsletter

Resta sempre aggiornato e ricevi le più importanti notizie della settimana.