|

|

|

|

|


Autore

Data Notizia
13/09/2019

L'Alzheimer Fest: un'occasione diversa per parlare serenamente della demenza

A partire da oggi e fino a domenica 15 settembre si tiene, nel Parco Sant’Artemio di Treviso, la terza edizione dell’Alzheimer Fest, che prevede, come gli anni scorsi, la partecipazione di alcune migliaia di persone tra malati, famigliari, operatori di diversi livelli, volontari, cittadini attenti.

 

Il mondo della sofferenza dovuta ad alterazioni cognitive si ritrova per essere coinvolto in un evento che è stato sintetizzato in alcuni slogan. Il primo è “Festeggiamo, dunque siamo”: la festa come momento rispettoso della sofferenza e del dolore, ma che riafferma la forza della vita in tutte le sue espressioni. Quello che verrà presentato nei 120 diversi momenti a Treviso è nel nome della capacità della persona di conservare attenzioni e interessi, anche quando sembra più difficile. Il secondo slogan: “L’Alzheimer non cancella la vita” si colloca, come il precedente, nella prospettiva di raffermare che la perdita di memoria non cancella la ricchezza dello spirito umano, che resta a lungo, anche nelle crisi e spesso con molta fatica, capace di capire, di interagire, di essere persona. Il terzo slogan, quello che apre il programma dell’Alzheimer Fest di quest’anno, è: “Di amore non siamo vecchi”. Riporto il commento a questa affermazione che compare nel libretto-programma: “Chi non metterebbe la firma a questa affermazione così naturale, così impegnativa? è un’indicazione di percorso che richiede il coinvolgimento di tante energie. Fatti concreti. Per una comunità che sia davvero più libera. Non a sprazzi: ovunque, ogni giorno”.

 

Invito gli amici della Fondazione Leonardo a visitare il sito, per prendere visione analitica del programma, costruito su eventi di teatro, di musica, di poesia, di scienza, di medicina, di tecnologia, di laboratorio sui più diversi argomenti, utili per chi vuole portare a casa qualche cosa di nuovo, che possa aiutare a essere più sereni nelle fatiche di ogni giorno provocate dalla malattia e dall’esigenza di curare. Il mondo della medicina sarà formalmente coinvolto in particolare attraverso medici presenti per l’intera durata dell’evento, disponibili a rispondere a qualsiasi richiesta di chiarimento, di supporto, di indicazione su cosa e come fare in ogni specifica condizione nel lungo dipanarsi della malattia. Vi sarà anche una presentazione da parte di 80 diverse organizzazioni assistenziali di quanto di nuovo e importante viene fatto nelle singole realtà. Le modalità di cura all’interno della famiglia costituiscono l’ossatura dell’Alzheimer Fest; però, quando le circostanze della vita inducono a ricorrere a servizi residenziali per la protezione delle persone fragili, è importante che il messaggio di dignità e rispetto venga colto e trasformato in atti concreti di ogni giorno anche all’interno delle strutture di ricovero.

 

Infine, dobbiamo ricordare che questa sarà la festa dell’amore, proprio perché malati, famigliari, operatori, cittadini percepiscano che solo attraverso atti di amore, nella vita e nelle attività assistenziali, si costruiscono momenti di serenità e le giornate pesano di meno. Non si vuole insegnare a nessuno a come amare i malati, le famiglie, chi è in difficoltà, ma solo fare in modo che in questi giorni di Fest si possano sperimentare o approfondire condizioni che rendono l’amore un atteggiamento senza il quale le cure perdono molta della loro efficacia.


(Tratto dall’articolo )

Tutto il materiale e le informazioni presenti in questo Sito Web sono protetti dal diritto di copyright, ossia dal diritto di proprietà e tutti i contenuti del sito appartengono esclusivamente a Fondazione Leonardo. Tali contenuti possono includere immagini, fotografie, illustrazioni, testi, inserti video e audio, disegni, logotipi e marchi di fabbrica. Tutti i diritti sono riservati.

L'emicrania colpisce soprattutto le donne e le persone over65

Il Censis con la collaborazione di Eli Lilly, Novartis e Teva ha realizzato la ricerca Vivere con l'emicrania da cui emerge come questa patologia sia sottovalutata.

Intrattenimento e attività terapeutica: una doppietta vincente

Anche nel 2019 si è ripetuta (per il terzo anno consecutivo) l’esperienza di arte terapia presso il centro anziani della Misericordia di Rifredi (quartiere di Firenze).

Ultimi inserimenti in Notizia

 

Si chiamano parchi biosalutari i luoghi di divertimento adatti a tutte le età. È un progetto che nasce in Spagna a Bilbao, con lo scopo di permettere alle persone anziane di combattere la solitudine e fare attività fisica per mantenersi in forma.

 

Scritto da Lacchi Nives il 15/10/2019

Parola chiave: Attività fisica, Rapporti intergenerazionali

 

La Doxa ha diffuso i dati della ricerca Il ruolo sociale dei nonni nella famiglia di oggi. Lo studio è stato condotto su nonni tra i 55 e gli 85 anni, con nipoti tra 0 e 14 anni di età.

 

Scritto da Mathieu Enza il 14/10/2019

Parola chiave: Rapporto nonni nipoti

 

A Roma, durante l’incontro chiamato Dieta giapponese e prevenzione oncologica, si è parlato del modello nutrizionale giapponede e dei benefici che esso può dare; a partire dall'aumento della speranza di vita sino a 85 anni alla riduzione del rischio di contrarre tumore alla prostata, diabete e malattie cardiovascolari.

 

Scritto da Faraglia Sonia il 14/10/2019

Parola chiave: Alimentazione, Prevenzione, Prostata

Visualizza altri Notizie In archivio sono presenti 5940 Notizie

Inviaci le tue notizie

Puoi segnalarci: progetti, convegni, seminari, tutto ciò che può interessare chi si interessa della vita in età anziana.

Iscriviti alla newsletter

Resta sempre aggiornato e ricevi le più importanti notizie della settimana.