|

|

|

|

|


Autore

Data Notizia
23/09/2019

Fonte
www.vita.it

Con le app è possibile migliorare il deficit di memoria

Presso la Fondazione Sacra Famiglia di Corsico (Milano), in collaborazione con studenti della scuola superiore Falcone-Righi, si è sperimentato l'uso di alcune app per verificare la loro efficacia coi malati di Alzheimer.

In questi mesi i partecipanti hanno visto un rallentamento importante nel decadimento delle funzioni cognitive e, in più di un caso su tre, un miglioramento dei punteggi nei test di valutazione cognitiva.

“Nessuna tecnologia purtroppo potrà mai fermare il decadimento cognitivo delle persone con Alzheimer”, chiarisce la psicologa del servizio, dottoressa Erika Riva “tuttavia il progetto realizzato a Villa Sormani dimostra che il mantenimento di una stimolazione cognitiva mirata contribuisce a rallentare il processo degenerativo e mantiene allenata la mente, prolungando nel tempo le risorse residue.”


(Tratto dall’articolo www.vita.it)

Tutto il materiale e le informazioni presenti in questo Sito Web sono protetti dal diritto di copyright, ossia dal diritto di proprietà e tutti i contenuti del sito appartengono esclusivamente a Fondazione Leonardo. Tali contenuti possono includere immagini, fotografie, illustrazioni, testi, inserti video e audio, disegni, logotipi e marchi di fabbrica. Tutti i diritti sono riservati.

In Francia esperimenti non autorizzati su malati di Parkinson e Alzheimer

Nell'abbazia Sainte-Croix (Poitiers-Francia) sono state sperimentate molecole dagli effetti ignoti su almeno 350 malati di Parkinson o Alzheimer ricoverati presso la struttura.

Il caldo, nemico della salute e rischioso per bambini e anziani

Dopo un maggio piovoso è esplosa l’estate. Con le temperature alte aumenta la sudorazione corporea, che fa perdere liquidi e sali minerali preziosi per il nostro organismo; vengono messi a dura prova corpo, umore e cervello.

Ultimi inserimenti in Notizia

 

Si chiamano parchi biosalutari i luoghi di divertimento adatti a tutte le età. È un progetto che nasce in Spagna a Bilbao, con lo scopo di permettere alle persone anziane di combattere la solitudine e fare attività fisica per mantenersi in forma.

 

Scritto da Lacchi Nives il 15/10/2019

Parola chiave: Attività fisica, Rapporti intergenerazionali

 

La Doxa ha diffuso i dati della ricerca Il ruolo sociale dei nonni nella famiglia di oggi. Lo studio è stato condotto su nonni tra i 55 e gli 85 anni, con nipoti tra 0 e 14 anni di età.

 

Scritto da Mathieu Enza il 14/10/2019

Parola chiave: Rapporto nonni nipoti

 

A Roma, durante l’incontro chiamato Dieta giapponese e prevenzione oncologica, si è parlato del modello nutrizionale giapponede e dei benefici che esso può dare; a partire dall'aumento della speranza di vita sino a 85 anni alla riduzione del rischio di contrarre tumore alla prostata, diabete e malattie cardiovascolari.

 

Scritto da Faraglia Sonia il 14/10/2019

Parola chiave: Alimentazione, Prevenzione, Prostata

Visualizza altri Notizie In archivio sono presenti 5940 Notizie

Inviaci le tue notizie

Puoi segnalarci: progetti, convegni, seminari, tutto ciò che può interessare chi si interessa della vita in età anziana.

Iscriviti alla newsletter

Resta sempre aggiornato e ricevi le più importanti notizie della settimana.