|

|

|

|

|


Regia

Raffaella Regoli e Antonello Sette

Titolo

Il mio nome è Alzheimer
Con: Ospiti del Villaggio Emanuele
Italia, 2019

Il mio nome è Alzheimer

Venerdì 20 settembre è stato presentato in Campidoglio il docufilm di Raffaella Regoli e Antonello Sette, dal titolo Il mio nome è Alzheimer.

Veri protagonisti del film sono i malati, residenti e ospiti diurni del Villaggio Emanuele, che raccontano in prima persona spezzoni di vita, di felicità, di dolore e di speranza, mentre affrontano quotidianamente la perdita della propria storia e della propria identità.

La cura principale è l’amore che sentono intorno e il poter vivere esperienze attraverso la musica, la danza, il teatro, la pittura, la palestra, il bar, il parrucchiere, la spesa al minimarket, i pasti. Soprattutto si rivela terapeutico poter mantenere i rapporti con amici e parenti che non hanno mai smesso di amarli.


(Fonte: www.globalist.it)

Tutto il materiale e le informazioni presenti in questo Sito Web sono protetti dal diritto di copyright, ossia dal diritto di proprietà e tutti i contenuti del sito appartengono esclusivamente a Fondazione Leonardo. Tali contenuti possono includere immagini, fotografie, illustrazioni, testi, inserti video e audio, disegni, logotipi e marchi di fabbrica. Tutti i diritti sono riservati.

Il flop del "bonus badanti"

Non ha funzionato l'iniziativa della Regione Lombardia che proponeva sussidi per chi avesse assunto "badanti": solo 180 richieste in un anno.

Immortali. Economia per nuovi highlander

Perché gillette ha deciso di lanciare un rasoio per gli uomini che non si possono radere da soli? E come mai allure ha scelto di bandire la parola «anti-age» dal proprio magazine rischiando di perdere gli investitori pubblicitari del settore beauty?

Ultimi inserimenti in Audiovisivo

 

Amadeus (Nick Nolte) ha 76 anni ed è malato di Alzheimer. Al funerale della moglie Maggie si presenta all'altare e imbastisce un elogio del seno generoso della consorte defunta, dopodiché si rintana a vivere nel disordine crescente della loro casa coniugale.

 

Regia di Schweiger Til, Germania, 2018

 

Sono passati 15 anni da quando uno sconosciuto ha rapito Samantha Andretti mentre tornava a casa da scuola.

 

Regia di Carrisi Donato , Italia, 2019

 

Diva del cinema francese, Fabienne Daugeville pubblica un libro di memorie e per l'occasione riceve la visita della figlia Lumir, sceneggiatrice che vive a New York con il marito Hank e la piccola Charlotte.

 

Regia di Kore'eda Hirokazu , Francia, 2019

Visualizza altri Audiovisivi In archivio sono presenti 356 Audiovisivi

Inviaci le tue notizie

Puoi segnalarci: progetti, convegni, seminari, tutto ciò che può interessare chi si interessa della vita in età anziana.

Iscriviti alla newsletter

Resta sempre aggiornato e ricevi le più importanti notizie della settimana.