|

|

|

|

|


Autore

Data Notizia
30/09/2019

Fonte
www.vita.it

Alzheimer: questo sconociuto

Nel rapporto diffuso in occasione della Giornata mondiale dell’Alzheimer dello scorso settembre, è emerso che due terzi degli intervistati pensa ancora che la demenza sia conseguenza del normale invecchiamento.

L’atteggiamento verso la demenza, questo il titolo del Rapporto mondiale Alzheimer 2019 presentato dalla Federazione Alzheimer Italia, rappresentante nel nostro Paese dell’Adi (Alzheimer’s Disease International), evidenzia un’allarmante mancanza di conoscenza a livello globale della demenza.  L’indagine mette in luce come un atteggiamento negativo verso la malattia impedisca alle persone di chiedere informazioni, supporto e assistenza medica che potrebbero migliorare notevolmente la durata e la qualità della vita.

Il 48% degli intervistati è convinto che la memoria di una persona con demenza non migliorerà mai, neppure con interventi medici; mentre 1 su 4 pensa che non si possa fare nulla per prevenirne l'insorgere del morbo. Gli atteggiamenti verso la malattia registrano opinioni diverse a seconda delle fasce regionali, socioeconomiche e culturali, ma è indubbio che alcune convinzioni errate siano ancora radicate in maniera consistente anche nella nostra opinione pubblica.


(Tratto dall’articolo www.vita.it)

Tutto il materiale e le informazioni presenti in questo Sito Web sono protetti dal diritto di copyright, ossia dal diritto di proprietà e tutti i contenuti del sito appartengono esclusivamente a Fondazione Leonardo. Tali contenuti possono includere immagini, fotografie, illustrazioni, testi, inserti video e audio, disegni, logotipi e marchi di fabbrica. Tutti i diritti sono riservati.

Con le app è possibile migliorare il deficit di memoria

Presso la Fondazione Sacra Famiglia di Corsico (Milano), in collaborazione con studenti della scuola superiore Falcone-Righi, si è sperimentato l'uso di alcune app per verificare la loro efficacia coi malati di Alzheimer.

L'anziano diventa nuova opportunità economica

Si stima che nel 2050 la quota di anziani nel nostro Paese raggiungerà il 35,9% della popolazione totale, pari a circa 18 milioni di persone. Si profila, quindi, un nuovo quadro demografico, con un’attesa di vita media pari a 82,5 anni (79,5 per gli uomini e 85,6 per le donne).

Ultimi inserimenti in Notizia

 

Si chiamano parchi biosalutari i luoghi di divertimento adatti a tutte le età. È un progetto che nasce in Spagna a Bilbao, con lo scopo di permettere alle persone anziane di combattere la solitudine e fare attività fisica per mantenersi in forma.

 

Scritto da Lacchi Nives il 15/10/2019

Parola chiave: Attività fisica, Rapporti intergenerazionali

 

La Doxa ha diffuso i dati della ricerca Il ruolo sociale dei nonni nella famiglia di oggi. Lo studio è stato condotto su nonni tra i 55 e gli 85 anni, con nipoti tra 0 e 14 anni di età.

 

Scritto da Mathieu Enza il 14/10/2019

Parola chiave: Rapporto nonni nipoti

 

A Roma, durante l’incontro chiamato Dieta giapponese e prevenzione oncologica, si è parlato del modello nutrizionale giapponede e dei benefici che esso può dare; a partire dall'aumento della speranza di vita sino a 85 anni alla riduzione del rischio di contrarre tumore alla prostata, diabete e malattie cardiovascolari.

 

Scritto da Faraglia Sonia il 14/10/2019

Parola chiave: Alimentazione, Prevenzione, Prostata

Visualizza altri Notizie In archivio sono presenti 5940 Notizie

Inviaci le tue notizie

Puoi segnalarci: progetti, convegni, seminari, tutto ciò che può interessare chi si interessa della vita in età anziana.

Iscriviti alla newsletter

Resta sempre aggiornato e ricevi le più importanti notizie della settimana.