|

|

|

|

|


Autore

Data Notizia
04/10/2019

Fonte
www.centrostudi.50epiu.it

Con l'avanzare degli anni cambiano i gusti musicali

Con l’avanzare degli anni i nostri gusti musicali cambiano. A sostenerlo sono i ricercatori dell’Università di Cambridge che hanno indagato le preferenze musicali di soggetti di diversa età.

Infatti, secondo gli studiosi, i gusti musicali si possono dividere in tre categorie che corrispondono ad ogni fase della vita. Gli adolescenti preferiscono un genere intenso come il punk o il metal per stabilire la propria identità, mentre in età adulta si preferiscono generi più “contemporanei” come il pop e il rap.
Quando ci si addentra nella terza età si preferisce una musica più sofisticata come la musica classica e jazz: un cambiamento legato alla maturità emotiva e alla tendenza a ricercare anche momenti di solitudine in cui dedicarsi alla riflessione e al riposo. Giunti nella quarta età, però, i senior sembrano compiere un altro cambiamento virando verso la musica country, folk e blues. 

La ricerca, basata sui risultati dei questionari somministrati ad oltre 250.000 persone in un periodo di dieci anni, ha dimostrato, inoltre, che i gusti musicali non cambiano solo per chi ascolta, ma anche per chi suona. Ne sono un esempio alcuni artisti come Sting o Paul McCartney che, in gioventù, sono stati vere e proprie icone della cultura giovanile, ma che ora lavorano su album dai toni classici e folk. 

Ma c’è anche chi rimane fedele ai propri gusti per tutta la vita come i Dixieland Seniors, il gruppo che da più di 20 anni si esibisce al jazz club Le Petit Journal Saint-Michel di Parigi.


(Tratto dall’articolo www.centrostudi.50epiu.it)

Tutto il materiale e le informazioni presenti in questo Sito Web sono protetti dal diritto di copyright, ossia dal diritto di proprietà e tutti i contenuti del sito appartengono esclusivamente a Fondazione Leonardo. Tali contenuti possono includere immagini, fotografie, illustrazioni, testi, inserti video e audio, disegni, logotipi e marchi di fabbrica. Tutti i diritti sono riservati.

Il mio nome è Alzheimer

Venerdì 20 settembre è stato presentato in Campidoglio il docufilm di Raffaella Regoli e Antonello Sette, dal titolo Il mio nome è Alzheimer.

I bisogni degli anziani per una città amica

Si tratta di un questionario elaborato dalla Prosenectute di Omegna, cofinanziato anche dalla Fondazione Comunitaria VCO e dall'assessorato dei servizi sociali del Comune di Omegna.

Ultimi inserimenti in Notizia

 

Si chiamano parchi biosalutari i luoghi di divertimento adatti a tutte le età. È un progetto che nasce in Spagna a Bilbao, con lo scopo di permettere alle persone anziane di combattere la solitudine e fare attività fisica per mantenersi in forma.

 

Scritto da Lacchi Nives il 15/10/2019

Parola chiave: Attività fisica, Rapporti intergenerazionali

 

La Doxa ha diffuso i dati della ricerca Il ruolo sociale dei nonni nella famiglia di oggi. Lo studio è stato condotto su nonni tra i 55 e gli 85 anni, con nipoti tra 0 e 14 anni di età.

 

Scritto da Mathieu Enza il 14/10/2019

Parola chiave: Rapporto nonni nipoti

 

A Roma, durante l’incontro chiamato Dieta giapponese e prevenzione oncologica, si è parlato del modello nutrizionale giapponede e dei benefici che esso può dare; a partire dall'aumento della speranza di vita sino a 85 anni alla riduzione del rischio di contrarre tumore alla prostata, diabete e malattie cardiovascolari.

 

Scritto da Faraglia Sonia il 14/10/2019

Parola chiave: Alimentazione, Prevenzione, Prostata

Visualizza altri Notizie In archivio sono presenti 5940 Notizie

Inviaci le tue notizie

Puoi segnalarci: progetti, convegni, seminari, tutto ciò che può interessare chi si interessa della vita in età anziana.

Iscriviti alla newsletter

Resta sempre aggiornato e ricevi le più importanti notizie della settimana.