|

|

|

|

|


Regia

Barrese Beniamino

Titolo

La scomparsa di mia madre
Con: Benedetta Barzini
Italia, 2019, min.94

La scomparsa di mia madre

La scomparsa di mia madre, è il film diretto da Beniamino Barrese. Protagonista del documentario è Benedetta Barzini, madre del regista.

La prima grande modella italiana icona degli anni 60, che ispirò i più importanti fotografi e artisti dell'epoca come Andy Warhol, Richard Avedon, Salvador Dalì e Irving Penn.
Benedetta Barzini, femminista militante, scrittrice e docente universitaria, in continua lotta con quel sistema che non le appartine e che per lei significa solo sfruttamento femminile, decide oggi all'eta di 75 anni, di lasciare tutto, scomparire per raggiungere un luogo lontano e abbandonare il mondo delle immagini, delle ambiguità e di tutti gli steriotipi a cui la vita l'ha obbligata.
Il film rappresenta il tentativo da parte del filglio Beniamino Barrese, di trovare delle risposte e di fermare nella memoria la vera essenza e autenticità di sua madre.
Beniamino decide di filmare la modella, con e contro la sua volontà, generando uno scontro personale e politico tra i due, ma anche un dialogo intimo e d'amore.
Il regista alla fine di questo proggetto comprenderà realmente quello che sua madre diceva: "ciò che veramente conta è sempre invisibile", la vera bellezza non si vede, è un principio etico che va oltre ciò che è possibilie rappresentare.


(Fonte: www.comingsoon.it)

Tutto il materiale e le informazioni presenti in questo Sito Web sono protetti dal diritto di copyright, ossia dal diritto di proprietà e tutti i contenuti del sito appartengono esclusivamente a Fondazione Leonardo. Tali contenuti possono includere immagini, fotografie, illustrazioni, testi, inserti video e audio, disegni, logotipi e marchi di fabbrica. Tutti i diritti sono riservati.

Stare chiusi in casa determina carenza di vitamina D

La vitamina D associata al sole è, a causa della quarantena, la grande assente di questi mesi, nonostante il suo ruolo fondamentale per avere ossa sane. Più della metà degli italiani non ne ha abbastanza.

Coronavirus: come aiutare gli anziani a fare la spesa

Coronavirus e anziani: per loro stare a casa non è un consiglio ma un imperativo. All'interno della crisi che stiamo vivendo sulla nostra pelle, si diffondono sempre più iniziative da parte di Onlus, comuni, privati e aziende al fine di consegnare beni essenziali (cibo e farmaci) alle categorie più a rischio. Il primo passo è stato preso dalle grandi catene di distribuzione, per evitare anche che gli anziani si mettano in coda nelle lunghe file al di fuori del supermercato.

Ultimi inserimenti in Audiovisivo

 

Amadeus (Nick Nolte) ha 76 anni ed è malato di Alzheimer. Al funerale della moglie Maggie si presenta all'altare e imbastisce un elogio del seno generoso della consorte defunta, dopodiché si rintana a vivere nel disordine crescente della loro casa coniugale.

 

Regia di Schweiger Til, Germania, 2018

 

Sono passati 15 anni da quando uno sconosciuto ha rapito Samantha Andretti mentre tornava a casa da scuola.

 

Regia di Carrisi Donato , Italia, 2019

 

Diva del cinema francese, Fabienne Daugeville pubblica un libro di memorie e per l'occasione riceve la visita della figlia Lumir, sceneggiatrice che vive a New York con il marito Hank e la piccola Charlotte.

 

Regia di Kore'eda Hirokazu , Francia, 2019

Visualizza altri Audiovisivi In archivio sono presenti 357 Audiovisivi

Inviaci le tue notizie

Puoi segnalarci: progetti, convegni, seminari, tutto ciò che può interessare chi si interessa della vita in età anziana.

Iscriviti alla newsletter

Resta sempre aggiornato e ricevi le pi├╣ importanti notizie della settimana.