|

|

|

|

|


Autore

Data Notizia
06/11/2019

Fonte
www.lifegate.it

Roma: parte Dopo di me, il progetto per gli anziani e i loro animali da compagnia

A Roma, per aiutare le persone anziane a prendersi cura dei propri amici a quattro zampe nasce il progetto Dopo di me, con il duplice obiettivo di favorire il benessere psicologico degli anziani combattendone la solitudine e di offrire un aiuto per svuotare i canili e trovare una collocazione agli animali abbandonati.

Molte persone non adottano un animale da compagnia perché temono le conseguenze che il gesto potrà comportare in termini di tempo, denaro, responsabilità. Per questo motivo verrà garantita un’assistenza domiciliare quando non saranno più in grado di occuparsene, oltre all’istituzione di una rete di famiglie disposte ad accogliere il cucciolo in cerca di un’altra sistemazione. Sempre in quest’ottica è prevista una modifica al regolamento dei centri anziani che permetterà agli animali di accompagnare i rispettivi proprietari all’interno delle strutture di accoglienza.

Si tratta di un’iniziativa dal forte impatto sociale perché non solo viene incontro alle esigenze degli anziani, ma opera anche in difesa dei diritti degli animali.


(Tratto dall’articolo www.lifegate.it)

Tutto il materiale e le informazioni presenti in questo Sito Web sono protetti dal diritto di copyright, ossia dal diritto di proprietà e tutti i contenuti del sito appartengono esclusivamente a Fondazione Leonardo. Tali contenuti possono includere immagini, fotografie, illustrazioni, testi, inserti video e audio, disegni, logotipi e marchi di fabbrica. Tutti i diritti sono riservati.

Leggere e scrivere per contrastare la demenza

Da uno studio americano, pubblicato su Neurology, emerge che leggere e scrivere potrebbe essere uno scudo contro la demenza; i ricercatori avrebbero scoperto che coloro che non hanno mai imparato a leggere e scrivere potrebbero avere un rischio quasi tre volte maggiore di sviluppare una demenza rispetto chi è in grado di farlo.

29° Convegno annuale SINEG

La Collaborazione tra neurologi e geriatri diviene ogni anno più importante, alla luce delle nuove evidenze scientifiche e del notevole invecchiamento del paziente con patologie neurologiche, così come l’elevata prevalenza di patologie neurologiche negli anziani che si rivolgono ai geriatri.

Ultimi inserimenti in Notizia

 

Secondo i dati della Cassa Edile, elaborati a Brescia, il lavoro nell'edilizia è poco scelto dai giovani (solo il 14% ha meno di 31 anni).

 

Scritto da Desanti Gianni il 05/12/2019

Parola chiave: Analisi demografica, Lavoro nella terza età

 

Una ricerca americana svela che una dieta sana, come quella mediterranea, diminuisce il rischio di sviluppare problemi uditivi durante l’invecchiamento.

 

Scritto da Mathieu Enza il 02/12/2019

Parola chiave: Alimentazione

 

Gli anziani che guidano automobili sembrano essere vittime di un ingiusto pregiudizio: non c'è alcuna correlazione tra gli incidenti stradali e gli autisti anziani. Il dato emerge da uno studio che ha preso in considerazione l'intero data set del Ministero dei Trasporti.

 

Scritto da Desanti Gianni il 26/11/2019

Parola chiave: Autonomia, Dati statistici, Trasporti

Visualizza altri Notizie In archivio sono presenti 5792 Notizie

Inviaci le tue notizie

Puoi segnalarci: progetti, convegni, seminari, tutto ciò che può interessare chi si interessa della vita in età anziana.

Iscriviti alla newsletter

Resta sempre aggiornato e ricevi le più importanti notizie della settimana.