|

|

|

|

|


Autore

Fonte
www.neodemos.info
26/11/2019

Perchè in Italia negli anni della Grande Recessione il calo delle nascite è stato più forte che in altri paesi

I dati analizzati dagli autori, riferiti al periodo dal 2008 al 2016, confermano il calo significativo delle nascite in Italia: circa 100.000 in meno.

Per capire i meccanismi del forte calo delle nascite proprio a partire dal 2008 occorre ricordare che il numero di nati dipende non solo dalla propensione media ad avere figli, ma anche dal numero di potenziali genitori in età fertile.

Da una corretta interpretazione dei dati risulta che il 70% del calo dipende non tanto dalla scelta di non fare figli per motivi economici, ma soprattutto da quanto sopra indicato.

Simile la situazione in altri stati europei come la Spagna e la Francia, al contrario della Svezia. In conclusione: la crisi ha le sue colpe, ma altri fattori strutturali sono responsabili della recente caduta delle nascite.


(Fonte: www.neodemos.info)

Tutto il materiale e le informazioni presenti in questo Sito Web sono protetti dal diritto di copyright, ossia dal diritto di proprietà e tutti i contenuti del sito appartengono esclusivamente a Fondazione Leonardo. Tali contenuti possono includere immagini, fotografie, illustrazioni, testi, inserti video e audio, disegni, logotipi e marchi di fabbrica. Tutti i diritti sono riservati.

Un'app per individuare anziani a rischio fragilità

Secondo l’indagine di Passi d’ Argento, il 19% degli anziani in Italia è a rischio di fragilità, una condizione che si aggrava con l’età e riguarda, nello specifico, il 12% dei 65-74enni e il 30% fra gli ultra 85enni fortemente associata allo svantaggio socio-economico.

Demenza senile: il Morbo di Pick

La Malattia di Pick è una forma di demenza che fa parte del gruppo delle demenze frontotemporali (FTD) ed è la quarta causa di demenza. Le FTD differiscono dal Morbo di Alzheimer nella presentazione clinica e nella patologia.

Ultimi inserimenti in Periodico

 

ll sondaggio sul contagio da COVID-19 nelle RSA, realizzato dall'Istituto Superiore di Sanità a cavallo tra marzo e aprile, ha evidenziato che il tasso di mortalità fra i residenti, considerando i decessi di persone risultate positive o con sintomi simil-influenzali, è in media del 3,1% ma in Lombardia praticamente raddoppia, arrivando al 6,8%.

 

De Carli Sara, www.vita.it, 08/04/2020

Parola chiave: Residenza Sanitaria Assistenziale, Ricerca

 

"Non è umanamente sopportabile impedire le celebrazioni dei funerali alle tantissime famiglie colpite da un lutto. Proporrò al governo, in vista della fase di graduale riapertura, di compiere un passo concreto: dobbiamo poter tornare a celebrare i funerali, seppure alla presenza soltanto degli stretti congiunti, nel rispetto delle misure di distanziamento fisico dei partecipanti".

 

AGI, www.agi.it, 23/04/2020

Parola chiave: Religione

 

Con tutta probabilità, nei prossimi vent’anni gran parte dei nuovi anziani non dovranno vivere da soli, perché l’età alla vedovanza continuerà a innalzarsi: questa è l’analisi che fanno Gianpiero Dalla Zuanna e Chiara Gargiulo.  

 

Dalla Zuanna Gianpiero, Gargiulo Chiara, , 17/04/2020

Parola chiave: Vedovanza, Welfare

Visualizza altri Periodici In archivio sono presenti 115 Periodici

Inviaci le tue notizie

Puoi segnalarci: progetti, convegni, seminari, tutto ciò che può interessare chi si interessa della vita in età anziana.

Iscriviti alla newsletter

Resta sempre aggiornato e ricevi le più importanti notizie della settimana.