|

|

|

|

|


Autore

Data Notizia
10/12/2019

Fonte
www.rainews.it

Roma: presentato primo rapporto Istat su disabilità

Dal primo rapporto Istat sulle persone con disabilità, presentato a Roma, emerge che il 5,2% della popolazione italiana, circa 3,1 milioni di persone, a causa di problemi di salute, hanno gravi limitazioni che gli impediscono di svolgere normali attività quotidiane; gli ultra 75enni in condizione di disabilità sono circa 1,5 milioni, dei quali quasi 1 milione sono donne.

Secondo il Rapporto, sono le Isole ad essere al primo posto con un'incidenza del 6,3% della popolazione contro il 4,8% (il valore più basso) del Nord. Nella popolazione compresa tra i 15 e i 64 anni è occupato solo il 31,3% di coloro che soffrono di gravi limitazioni e la maggior parte è occupata nel settore della Pubblica Amministrazione. Soltanto il 43,5% delle persone con limitazioni dispone di una rete di relazioni e questo comporta un grave ostacolo alla partecipazione culturale; infatti solo il 9,3% delle persone che ne soffrono va frequentemente al cinema, al teatro, a un concerto o visita un museo durante l'anno.

Dal rapporto Istat emerge inoltre che in Italia le famiglie nelle quali vive almeno una persona con limitazioni gravi sono circa 2 milioni e 300 mila, all’interno delle quali conciliare vita lavorativa e attività di cura non è sempre facile.


(Tratto dall’articolo www.rainews.it)

Tutto il materiale e le informazioni presenti in questo Sito Web sono protetti dal diritto di copyright, ossia dal diritto di proprietà e tutti i contenuti del sito appartengono esclusivamente a Fondazione Leonardo. Tali contenuti possono includere immagini, fotografie, illustrazioni, testi, inserti video e audio, disegni, logotipi e marchi di fabbrica. Tutti i diritti sono riservati.

La dieta sana preserva l'udito

Una ricerca americana svela che una dieta sana, come quella mediterranea, diminuisce il rischio di sviluppare problemi uditivi durante l’invecchiamento.

Leggere e scrivere per contrastare la demenza

Da uno studio americano, pubblicato su Neurology, emerge che leggere e scrivere potrebbe essere uno scudo contro la demenza; i ricercatori avrebbero scoperto che coloro che non hanno mai imparato a leggere e scrivere potrebbero avere un rischio quasi tre volte maggiore di sviluppare una demenza rispetto chi è in grado di farlo.

Ultimi inserimenti in Notizia

 

L’osteoporosi è una malattia che colpisce lo scheletro e che aumenta molto il rischio di fratture alle ossa, con maggior frequenza nelle donne.

 

Scritto da Coppi Mariarosa il 20/01/2020

Parola chiave: Osteoporosi

 

Una ricerca svolta dalla Fondazione Golgi-Cenci di Abbiategrasso, nel Milanese, ha evidenziato come, per combattere la solitudine di persone anziane, non ci siano grandi differenze tra l'uso di una chat e una tradizionale conversazione tra amici.

 

Scritto da Desanti Gianni il 15/01/2020

Parola chiave: Social Network, Solitudine

 

Agli anziani capita di disidratarsi anche in inverno. Più di un quarto degli over 65 è cronicamente disidrato: lo stimolo della sete tende a decrescere con l’età e quindi è facile scordarsi di bere.

 

Scritto da Mathieu Enza il 10/01/2020

Parola chiave: Bisogni degli anziani

Visualizza altri Notizie In archivio sono presenti 6151 Notizie

Inviaci le tue notizie

Puoi segnalarci: progetti, convegni, seminari, tutto ciò che può interessare chi si interessa della vita in età anziana.

Iscriviti alla newsletter

Resta sempre aggiornato e ricevi le più importanti notizie della settimana.