|

|

|

|

|


Autore

Fonte
www.stateofmind.it
06/12/2019

La malnutrizione in età geriatrica

Riconoscere e prendere in carico situazioni di malnutrizione appare sempre più importante nell'ottica di prevenire il deterioramento cognitivo nell'anziano. L’importanza e lo stretto legame del binomio alimentazione e buona salute è sottolineata dall’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) che considera nutrizione adeguata e salute tra i diritti fondamentali per l’uomo.

Quando si parla di disturbi dell’alimentazione si compie spesso l’errore di far riferimento esclusivamente agli adolescenti perché non siamo abituati a pensare che una persona anziana possa riversare le sue sofferenze nella relazione con il cibo. In ambito geriatrico sarebbe più opportuno parlare di “malnutrizione” anziché “disturbo del comportamento alimentare”. Negli anziani si possono identificare una malnutrizione per eccesso (sovra-nutrizione) e una malnutrizione per difetto (sotto-nutrizione).

L’ipotalamo che acquisisce una serie di informazioni dagli organi di senso, svolge un ruolo fondamentale nella regolazione del comportamento alimentare. Gli stimoli che esso invia sono in grado di attivare o inibire l’assunzione del cibo. Un’altra condizione che influenza l’approccio al cibo è uno stato di deterioramento cognitivo. L’interazione tra demenza e stato nutrizionale è complessa e poco chiara. Difatti, mentre è ancora controversa la relazione causale dei fattori nutrizionali nel determinare i processi neurodegenerativi o vascolari alla base delle sindromi demenziali, è frequente il riscontro della malnutrizione come complicanza della demenza sia nelle forme moderate che severe.


(Fonte: www.stateofmind.it)

Tutto il materiale e le informazioni presenti in questo Sito Web sono protetti dal diritto di copyright, ossia dal diritto di proprietà e tutti i contenuti del sito appartengono esclusivamente a Fondazione Leonardo. Tali contenuti possono includere immagini, fotografie, illustrazioni, testi, inserti video e audio, disegni, logotipi e marchi di fabbrica. Tutti i diritti sono riservati.

Cantare fa bene agli anziani

Cantare in compagnia è un forte antidoto contro la solitudine degli anziani. Il suggerimento è quello di farlo aderendo a uno dei tanti cori che si possono trovare nella propria città. L’esperienza del coro si può rivelare una panacea per il fisico e per la mente.

Lamorgese: nella fase 2 cade il divieto di funerali

"Non è umanamente sopportabile impedire le celebrazioni dei funerali alle tantissime famiglie colpite da un lutto. Proporrò al governo, in vista della fase di graduale riapertura, di compiere un passo concreto: dobbiamo poter tornare a celebrare i funerali, seppure alla presenza soltanto degli stretti congiunti, nel rispetto delle misure di distanziamento fisico dei partecipanti".

Ultimi inserimenti in Periodico

 

Dopo il coronavirus è necessario ripensare il ruolo delle RSA. La reputazione delle grandi strutture residenziali per anziani è inesorabilmente segnata, spingendo sempre più le famiglie a considerarle una opzione limite, di ultima istanza, accelerandone la trasformazione verso grandi hospice. Per non finire così le Rsa dovranno ripensarsi e adattarsi a bisogni che saranno cambiati.

 

Pasquinelli Sergio, www.vita.it, 01/05/2020

Parola chiave: Assistenza Domiciliare, Operatore socio-assistenziale e sanitario, Residenza Sanitaria Assistenziale

 

ll sondaggio sul contagio da COVID-19 nelle RSA, realizzato dall'Istituto Superiore di Sanità a cavallo tra marzo e aprile, ha evidenziato che il tasso di mortalità fra i residenti, considerando i decessi di persone risultate positive o con sintomi simil-influenzali, è in media del 3,1% ma in Lombardia praticamente raddoppia, arrivando al 6,8%.

 

De Carli Sara, www.vita.it, 08/04/2020

Parola chiave: Residenza Sanitaria Assistenziale, Ricerca

 

"Non è umanamente sopportabile impedire le celebrazioni dei funerali alle tantissime famiglie colpite da un lutto. Proporrò al governo, in vista della fase di graduale riapertura, di compiere un passo concreto: dobbiamo poter tornare a celebrare i funerali, seppure alla presenza soltanto degli stretti congiunti, nel rispetto delle misure di distanziamento fisico dei partecipanti".

 

AGI, www.agi.it, 23/04/2020

Parola chiave: Religione

Visualizza altri Periodici In archivio sono presenti 116 Periodici

Inviaci le tue notizie

Puoi segnalarci: progetti, convegni, seminari, tutto ciò che può interessare chi si interessa della vita in età anziana.

Iscriviti alla newsletter

Resta sempre aggiornato e ricevi le più importanti notizie della settimana.