|

|

|

|

|


Autore

Data Notizia
20/12/2019

Auguri di Buon Natale!

Buon Natale, cari lettori. Con grande serenità desidero inviare a tutti la testimonianza della mia stima e della mia vicinanza; dopo molte occasioni di scambio attraverso questa newsletter si è sviluppata una sorta di relazione silenziosa, che mi da molta soddisfazione. E spero la dia anche a voi.

 

Mi piace esprimere i miei sentimenti riportando la frase che recentemente ha pronunciato Papa Francesco: “Considerando e vivendo la vecchiaia come la stagione del dono e la stagione del dialogo si contrasta lo stereotipo tradizionale dell’anziano: malato, invalido, dipendente, isolato, assediato da paure, lasciato da parte, con un’identità debole per la perdita di un ruolo sociale. In pari tempo, si eviterà di focalizzare l’attenzione generale prevalentemente sui costi e i rischi, dando più evidenza alle risorse e alle potenzialità degli anziani”. Non potrebbero esserci parole più incisive per descrivere il nostro atteggiamento verso le persone anziane e soprattutto le modalità con le quali questi devono vivere per restare padroni della loro vita.

 

Buon Natale in particolare ai nostri lettori che vivono momenti di dolore e di sofferenza; a quelli che si dedicano alla cura delle persone meno fortunate, a chi lavora per garantire la salute delle persone ammalate. Ci sentiamo appartenenti a una comunità informale, che però condivide l’impegno per un domani più giusto. Ho letto in questi giorni una frase di Primo Levi che condivido totalmente, dedicandola a chi si dedica professionalmente agli anziani: “Il tipo di libertà più utile al consorzio umano coincide con l’essere competente nel proprio lavoro e quindi nel provare piacere a svolgerlo”.

 

Buon Natale anche alla politica, che dovrebbe garantire un domani più tranquillo per tutti noi e una condizione economica che in particolare possa garantire il lavoro dei giovani.

 

A Natale la solitudine talvolta diviene una compagna “malefica”, ancor più rispetto ad altri momenti dell’anno, sia per evidenti ragioni ambientali, sia perché impedisce di fruire dello spirito del tempo che da significato alla vita. Chi scrive queste note ha predisposto, assieme al professor Diego De Leo, un volume intitolato “Nemica solitudine”, pubblicato dalle edizioni San Paolo; nonostante le apparenze è una lettura natalizia perché induce a misurarsi con la maggiore crisi del nostro tempo, indicando però, allo stesso tempo, alcune possibili vie di salvezza. La solitudine può essere sconfitta da comunità coese, che si pongono il problema di essere vicine a chi non ha nessuno cui chiedere aiuto nel momento del bisogno. A Natale è più facile pensare che le famiglie, le amicizie, le vicinanze offrono aiuto a chi è solo; non è però sempre un’impresa facile, perché l’autolesionismo indotto dall’egoismo spesso predomina, togliendo alla persona la voglia di guardare avanti, ponendosi obiettivi di senso, in un’atmosfera di ottimismo diffuso (è infatti un sentimento che potremmo definire “epidemico” quando riesce a “invadere” positivamente una comunità).

 

Buon Natale!


(Tratto dall’articolo )

Tutto il materiale e le informazioni presenti in questo Sito Web sono protetti dal diritto di copyright, ossia dal diritto di proprietà e tutti i contenuti del sito appartengono esclusivamente a Fondazione Leonardo. Tali contenuti possono includere immagini, fotografie, illustrazioni, testi, inserti video e audio, disegni, logotipi e marchi di fabbrica. Tutti i diritti sono riservati.

Lamorgese: nella fase 2 cade il divieto di funerali

"Non è umanamente sopportabile impedire le celebrazioni dei funerali alle tantissime famiglie colpite da un lutto. Proporrò al governo, in vista della fase di graduale riapertura, di compiere un passo concreto: dobbiamo poter tornare a celebrare i funerali, seppure alla presenza soltanto degli stretti congiunti, nel rispetto delle misure di distanziamento fisico dei partecipanti".

In Giappone spariscono molti anziani affetti da demenza

In Giappone, nel solo 2019, è stata denunciata la scomparsa di più di 17 mila anziani non in grado di intendere e di volere. Alcuni, poi, vengono ritrovati. Di altri invece si perdono le tracce per sempre, altri ancora muoiono, spesso investiti dalle auto.

Ultimi inserimenti in Notizia

 

Sulla rivista internazionale Nutrients sono stati pubblicati i risultati del progetto “Prolat”. La ricerca ha dimostrato che il latte contenente la proteina beta-caseina di tipo A2 porterebbe numerosi benefici al sistema immunitario e alla morfologia della mucosa intestinale

 

Scritto da Mathieu Enza il 30/08/2020

Parola chiave: Progetto obiettivo tutela della salute degli anziani, Ricerca

 

Il Dipartimento per le Politiche Giovanili e il Servizio Civile Universale, congiuntamente al Dipartimento per le Politiche della Famiglia e al Forum Nazionale del Terzo Settore, ha pubblicato il bando Time to care per selezionare 1200 collaboratori da destinare a progetti semestrali di assistenza agli anziani.

 

Scritto da Desanti Gianni il 31/08/2020

Parola chiave: Rapporti intergenerazionali, Servizi assistenziali

 

Siamo ad un passaggio molto difficile della nostra vita collettiva. Se l’epidemia continua a essere controllata, anche se in presenza di numerosi focolai, possiamo guardare con serenità al futuro; se, invece, i focolai dovessero aumentare e collegarsi tra loro, sarebbe un disastro.

 

Scritto da Trabucchi Marco il 27/08/2020

Parola chiave: Epidemie, Prevenzione

Visualizza altri Notizie In archivio sono presenti 6278 Notizie

Inviaci le tue notizie

Puoi segnalarci: progetti, convegni, seminari, tutto ciò che può interessare chi si interessa della vita in età anziana.

Iscriviti alla newsletter

Resta sempre aggiornato e ricevi le più importanti notizie della settimana.