|

|

|

|

|


Regia

Wang Lulu

Titolo

The Farewell - Una bugia buona
Con: Zhao Shuzhen, Awkwafina, X Mayo, Hong Lu, Kong Lin, Tzi Ma, Diana Lin, Gil Perez-Abraham, Ines Laimins, Jim Liu, Aoi Mizuhara
USA, Cina, 2019, min.98

The Farewell - Una bugia buona

Billi Wang è nata a Pechino ma vive a New York da quando aveva sei anni. Il suo contatto sentimentale con la Cina è Nai Nai, la sua vecchia nonna, ancorata alle tradizioni e alla famiglia.

Salda e praticamente indistruttibile, a Nai Nai viene diagnosticato un cancro. La famiglia decide di nasconderle la verità e di trascorrere con lei gli ultimi mesi che le restano da vivere. Figli e nipoti, traslocati negli anni in America e in Giappone, rientrano in Cina per riabbracciarla e per 'improvvisare' un matrimonio che allontani qualsiasi sospetto. Risoluti e uniti nella bugia, trovano in Billi una resistenza. Inconcludente nella vita e insoddisfatta della vita, Billi vorrebbe liberarsi dell'angoscia e rivelare alla nonna la prognosi infausta. Tra oriente e occidente, troverà una sintesi tra due culture e due condotte etiche.


(Fonte: www.mymovies.it)

Tutto il materiale e le informazioni presenti in questo Sito Web sono protetti dal diritto di copyright, ossia dal diritto di proprietà e tutti i contenuti del sito appartengono esclusivamente a Fondazione Leonardo. Tali contenuti possono includere immagini, fotografie, illustrazioni, testi, inserti video e audio, disegni, logotipi e marchi di fabbrica. Tutti i diritti sono riservati.

Colette Maze, la storia della pianista ultracentenaria

Colette Maze è la pianista più longeva ancora in attività e di recente ha rilasciato un'intervista al canale radiofonico France Musique in cui racconta qualche curiosità sulla sua vita.

Tormentoni estate 2021, un incontro di generazioni

L'estate 2021 ha riportato in auge cantanti storici come Orietta Berti e Gianni Morandi che, insieme a rapper e cantanti di altre generazioni, hanno realizzato brani fortemente apprezzati sia dai giovani che dai meno giovani.

Ultimi inserimenti in Audiovisivo

 

Gli ologrammi come supporti alla nostra memoria e allo stesso tempo come fantasmi. Questo l'assunto del testo teatrale di Jordan Harrison, finalista al premio Pulitzer nel 2015, dove una donna anziana parla con il marito dei bei tempi andati.

 

Regia di Almereyda Michael, USA, 2017

Parola chiave: Tecnologia, Memoria, Cinema

 

Felicità e sentimento, amore e passioni. E poi paura, incertezza, solitudine. Elementi quotidiani della vita di ciascuno di noi. Ancora Donne parla di questo: di emozioni quotidiane, naturali, che ci accompagnano e talvolta ci guidano nella vita di tutti i giorni. Sembrerebbe poco, ma, a ben vedere, c’è molto di più in questo documentario di Stéphanie Chuat e Véronique Reymond.

 

Regia di Chuat Stéphanie e Reymond Véronique, Svizzera, 2018

Parola chiave: Ageism, Innamoramento, Invecchiamento attivo, Stereotipi

 

Dopo un periodo di assenza, torna la nostra rubrica cinematografica con una riflessione sulla pellicola "Lontano Lontano" e alcune opere affini. La parola che le accomuna è anzianità. Parola scomoda, mai aborrita come vecchiaia. Eppure, potessimo usarla oggi, dovremmo parlare di vecchiaie tante quante sono le declinazioni di questa stagione della vita e delle opere che l’hanno raccontata.

 

Regia di Gianni Di Gregorio, Italia, 2019

Visualizza altri Audiovisivi In archivio sono presenti 362 Audiovisivi

Inviaci le tue notizie

Puoi segnalarci: progetti, convegni, seminari, tutto ciò che può interessare chi si interessa della vita in età anziana.

Iscriviti alla newsletter

Resta sempre aggiornato e ricevi le più importanti notizie della settimana.