|

|

|

|

|


Autore

Data Notizia
23/01/2020

Fonte
www.vita.it

PAD, metodo innovativo per contrastare le malattie dementigene

Presso il Centro Alzheimer dell’Istituto San Giovanni di Dio-Fatebenefratelli di Genzano di Roma, da circa tre anni è stata promossa un’iniziativa di telemedicina che si chiama Pad perché utilizza computer, smartphone o Ipad nel trattamento delle malattie dementigene.

L’esperimento è iniziato da un libro nato per promuovere le attività sociosanitarie dell'Associazione Fatebenefratelli Malati Lontani (Afmal). Alla ricerca della memoria perduta-Training quotidiano per il declino cognitivo è un libro scritto qualche anno fa da Angelo Venuti, Massimo Marianetti e Marco Ilari. Il volume è composto da schede neurocognitive che impegnano i pazienti su memoria, linguaggio, coordinazione neuromotoria e orientamento spazio-temporale.

L’interesse suscitato dal libro ha portato all’attivazione di un programma informatico consultabile online al quale accedono circa mille pazienti con i loro familiari.

Vengono inviate periodicamente via e-mail schede neurocognitive che i pazienti, anche con l’aiuto di familiari o caregiver, compilano e rimandano accompagnandole con domande e considerazioni. Chi riceve le e-mail è in grado attraverso dei test di valutare se il paziente può essere incluso nel Pad. Il programma complessivo, oltre alla compilazione di schede a mezzo computer, prevede anche una terapia individuale e di gruppo presso il Centro Alzheimer.


(Tratto dall’articolo www.vita.it)

Tutto il materiale e le informazioni presenti in questo Sito Web sono protetti dal diritto di copyright, ossia dal diritto di proprietà e tutti i contenuti del sito appartengono esclusivamente a Fondazione Leonardo. Tali contenuti possono includere immagini, fotografie, illustrazioni, testi, inserti video e audio, disegni, logotipi e marchi di fabbrica. Tutti i diritti sono riservati.

Covid: 'effetti collaterali'

Il Covid19 non colpisce in modo uniforme e indifferenziato, ma soprattutto i soggetti deboli sia dal punto di vista sociale che economico. Le persone più vulnerabili e fragili, le più emarginate, possono difendersi meno dalla malattia e ricevono meno sostegno.

Non da soli. Le nuove famiglie degli anziani italiani. 2002-2042

Con tutta probabilità, nei prossimi vent’anni gran parte dei nuovi anziani non dovranno vivere da soli, perché l’età alla vedovanza continuerà a innalzarsi: questa è l’analisi che fanno Gianpiero Dalla Zuanna e Chiara Gargiulo.  

Ultimi inserimenti in Notizia

 

Sulla rivista internazionale Nutrients sono stati pubblicati i risultati del progetto “Prolat”. La ricerca ha dimostrato che il latte contenente la proteina beta-caseina di tipo A2 porterebbe numerosi benefici al sistema immunitario e alla morfologia della mucosa intestinale

 

Scritto da Mathieu Enza il 30/08/2020

Parola chiave: Progetto obiettivo tutela della salute degli anziani, Ricerca

 

Il Dipartimento per le Politiche Giovanili e il Servizio Civile Universale, congiuntamente al Dipartimento per le Politiche della Famiglia e al Forum Nazionale del Terzo Settore, ha pubblicato il bando Time to care per selezionare 1200 collaboratori da destinare a progetti semestrali di assistenza agli anziani.

 

Scritto da Desanti Gianni il 31/08/2020

Parola chiave: Rapporti intergenerazionali, Servizi assistenziali

 

Siamo ad un passaggio molto difficile della nostra vita collettiva. Se l’epidemia continua a essere controllata, anche se in presenza di numerosi focolai, possiamo guardare con serenità al futuro; se, invece, i focolai dovessero aumentare e collegarsi tra loro, sarebbe un disastro.

 

Scritto da Trabucchi Marco il 27/08/2020

Parola chiave: Epidemie, Prevenzione

Visualizza altri Notizie In archivio sono presenti 6278 Notizie

Inviaci le tue notizie

Puoi segnalarci: progetti, convegni, seminari, tutto ciò che può interessare chi si interessa della vita in età anziana.

Iscriviti alla newsletter

Resta sempre aggiornato e ricevi le più importanti notizie della settimana.