|

|

|

|

|


Autore

Data Notizia
06/02/2020

Cina, epidemia, coraggio

Il contributo di Marco Trabucchi

 

In questi giorni l’epidemia di coronavirus è al centro della nostra attenzione, accompagnata purtroppo da tanta informazione sbagliata (gli infettivologi del bar sotto casa), da tanta paura senza motivo, da un certo razzismo ignorante (la mancata conoscenza della grandissima storia del pensiero cinese).

 

Non voglio approfondire le varie vicende, anche perché… rispetto le competenze. Mi permetto solo di fare due commenti ad eventi accaduti in questi giorni e che hanno attirato la mia attenzione.

 

Il primo riguarda una notizia giunta attraverso vari giornali. Nella città di Wuhan i cittadini, costretti dalle autorità a rimanere a casa per evitare la diffusione del virus, si affacciano alla finestra, soprattutto di sera, per cantare un inno: “Forza, Wuhan”. Cosa vi è di più nobile nelle crisi che potrebbero generare solitudine e disperazione che il ritrovare il senso della comunità, cercando da una finestra di intercettare altre finestre aperte, per costruire, anche se da lontano, un senso comune della vita nella crisi più grave? Ci associamo anche noi con grande impegno e gridiamo, pur da molto lontano: “Forza, Wuhan”! Non vorremmo mai augurarci eventi drammatici; però in quei momenti compaiono gli aspetti migliori e quelli peggiori dei nostri simili…

 

Un altro evento che ha attratto la mia attenzione è stato il fatto che l’ospedale di Wuhan Montagna del dio fuoco è stato costruito in pochissimi giorni per affrontare l’epidemia, disponendo così di strutture adeguate alle esigenze degli ammalati. Qualsiasi sia il giudizio sulla gestione da parte della autorità cinesi dell’epidemia di coronavirus, provo una profonda ammirazione per una nazione che riesce a coordinare interventi di enorme complessità per approntare un ospedale di mille letti in tempi brevissimi. Certo: bravi ai governati, ma ancor più bravi ai cittadini coinvolti in questa impresa, dove sudore, sacrifico, intelligenza e generosità si sono mescolati. In Europa non sarebbe stato possibile. Giù il cappello, fratelli cinesi; grande rispetto per la vostra dignità e vicinanza partecipe per la dolorosa prova che state affrontando. E ammirazione per la capacità di lavorare assieme per un obiettivo condiviso (è davvero un altro mondo rispetto al nostro, dove nessuno vuole rinunciare ai propri spazi in nome di un interesse più alto).

 

Tra i molti altri sentimenti la vicenda cinese di questi giorni mi ha fatto pensare a quanto saremmo più in pericolo senza il progresso scientifico. Oggi tutti invocano il vaccino e non si sentono più le voci dei no-vax: le circostanze fanno mutare anche le convinzioni più pervicaci!


(Tratto dall’articolo )

Tutto il materiale e le informazioni presenti in questo Sito Web sono protetti dal diritto di copyright, ossia dal diritto di proprietà e tutti i contenuti del sito appartengono esclusivamente a Fondazione Leonardo. Tali contenuti possono includere immagini, fotografie, illustrazioni, testi, inserti video e audio, disegni, logotipi e marchi di fabbrica. Tutti i diritti sono riservati.

Alla radice

Alla radice è un romanzo che scalda il cuore, un racconto on the road bizzarro commovente e spesso esilarante (nella miglior tradizione dell’umorismo finlandese) che fa riflettere sulle origini, sull'identità e soprattutto sul mal di denti.

Geriatri e oncologi insieme per curare i tumori degli anziani

Sebbene il cancro non sia una malattia solo della terza età, il rischio di insorgenza negli over 70 è di 40 volte superiore rispetto a chi ha un’età compresa tra 20 e 40 anni.

Ultimi inserimenti in Notizia

 

Cantare in compagnia è un forte antidoto contro la solitudine degli anziani. Il suggerimento è quello di farlo aderendo a uno dei tanti cori che si possono trovare nella propria città. L’esperienza del coro si può rivelare una panacea per il fisico e per la mente.

 

Scritto da Desanti Gianni il 17/02/2020

Parola chiave: Benessere, Danza, canto, recitazione, musica

 

Secondo un studio del team di ricercatori del Population Health Research Institute (Phri) della McMaster University e e dell'Hamilton Health Sciences, in Canada,  consumare un uovo quotidianamente non sarebbe rischioso per la nostra salute.

 

Scritto da Coppi Mariarosa il 20/02/2020

Parola chiave: Alimentazione, Analisi comparative

 

In un reportage tedesco uomini e donne, di età compresa tra i 60 e gli 80 anni, raccontano la loro vita scandita da tornei professionistici di sport elettronici, eSport (dall'inglese electronic sports), video su YouTube e terapie innovative che sfruttano il videogioco e le nuove tecnologie per rendere più godibile la vita quotidiana.

 

Scritto da Lacchi Nives il 16/02/2020

Parola chiave: Rapporti intergenerazionali, Tempo libero, hobbies

Visualizza altri Notizie In archivio sono presenti 6177 Notizie

Inviaci le tue notizie

Puoi segnalarci: progetti, convegni, seminari, tutto ciò che può interessare chi si interessa della vita in età anziana.

Iscriviti alla newsletter

Resta sempre aggiornato e ricevi le più importanti notizie della settimana.