|

|

|

|

|


Autore

Data Notizia
16/02/2020

Fonte
www.fanpage.it

Attraverso i videogiochi gli anziani dimenticano le loro malattie

In un reportage tedesco uomini e donne, di età compresa tra i 60 e gli 80 anni, raccontano la loro vita scandita da tornei professionistici di sport elettronici, eSport (dall'inglese electronic sports), video su YouTube e terapie innovative che sfruttano il videogioco e le nuove tecnologie per rendere più godibile la vita quotidiana.

Le persone intervistate affermano che: "giocando ci si dimentica delle proprie malattie e sofferenze". Sono i nipoti che in molti casi hanno introdotto i nonni a questa nuova passione creando un particolare rapporto con loro e condividendo un interesse che va oltre i confini dell'età.

Utilizzando l'interesse suscitato negli anziani dai videogiochi, alcune aziende stanno lavorando a terapie che sfruttano questo medium per migliorare le loro condizioni di vita. Presso una casa di riposo di Potsdam (Germania) è stato approntato un progetto chiamato Memore Box che, sfruttando la Realtà Virtuale (VR), coinvolge i residenti attraverso la sollecitazione di vista, udito, riflessi e abilità motorie. Una terapia che per chi soffre del morbo di Parkinson, può rivelarsi positiva.


(Tratto dall’articolo www.fanpage.it)

Tutto il materiale e le informazioni presenti in questo Sito Web sono protetti dal diritto di copyright, ossia dal diritto di proprietà e tutti i contenuti del sito appartengono esclusivamente a Fondazione Leonardo. Tali contenuti possono includere immagini, fotografie, illustrazioni, testi, inserti video e audio, disegni, logotipi e marchi di fabbrica. Tutti i diritti sono riservati.

Coronavirus, alla guida della macchina dei soccorsi giovani zero. Solo anziani

Pochi i giovani sia nei posti di responsabilità della sanità, sia in quelli del soccorso. Il virus attacca maggiormente gli anziani, gli ultrasessantenni. Ma la prima linea del fronte che deve respingere l’attacco è formata da ultrasessantenni.

Rsa più piccole e aperte al territorio: una sfida per il Terzo settore

Dopo il coronavirus è necessario ripensare il ruolo delle RSA. La reputazione delle grandi strutture residenziali per anziani è inesorabilmente segnata, spingendo sempre più le famiglie a considerarle una opzione limite, di ultima istanza, accelerandone la trasformazione verso grandi hospice. Per non finire così le Rsa dovranno ripensarsi e adattarsi a bisogni che saranno cambiati.

Ultimi inserimenti in Notizia

 

Si poteva e si doveva evitare la “strage dei nonni”. È una frase che pesa come un macigno quella urlata dai sindacati dei pensionati, ritrovatisi fuori dal convitto Principessa Felicita di Savoia per lanciare la campagna unitaria Senza radici non c’è futuro.

 

Scritto da Coppi Mariarosa il 03/07/2020

Parola chiave: Assistenza Domiciliare Integrata, Epidemie, Strutture residenziali per anziani

 

L’emergenza Covid-19 ha ulteriormente prolungato i tempi di attesa per gli esami diagnostici e per le cure presso gli ospedali della Sardegna. Questa è la denuncia di Sebastiano Sanna, segretario regionale delle Acli.

 

Scritto da Lacchi Nives il 03/07/2020

Parola chiave: Ospedale, Prevenzione

 

In Italia ci sono circa 400mila famiglie che dispongono esclusivamente della telefonia fissa, senza abbonamento internet.

 

Scritto da Faraglia Sonia il 03/07/2020

Parola chiave: Informatica

Visualizza altri Notizie In archivio sono presenti 6252 Notizie

Inviaci le tue notizie

Puoi segnalarci: progetti, convegni, seminari, tutto ciò che può interessare chi si interessa della vita in età anziana.

Iscriviti alla newsletter

Resta sempre aggiornato e ricevi le più importanti notizie della settimana.