|

|

|

|

|


Autore

Data Notizia
26/02/2020

Fonte
www.econopoly.ilsole24ore.com

I futuri anziani abiteranno in alloggi affittati e non di proprietà

L’istituto britannico di statistica ha rilevato che a fronte di una quota crescente di anziani proprietari di casa c’è un aumento di giovani che non è in condizione di poter acquistare l’abitazione.

Come in molte altre economie avanzate la Gran Bretagna deve fare i conti con l’invecchiamento della popolazione e conseguentemente con l’implicazione che questo avrà sull’economia dei prossimi anni.

Dalle valutazioni fatte tra il 1993 e il 2017 risulta che i tre quarti degli ultra65enni britannici sono proprietari dell’abitazione in cui vivono mentre sempre meno giovani sono in grado di richiedere un mutuo per l’acquisto della prima casa.

Se il trend si manterrà tale, nel futuro le persone più anziane avranno maggiori probabilità di vivere in affitto rispetto agli anziani di oggi. Questo dato potrebbe rendere più difficoltosa la vita anche per gli alti costi di affitto delle case. Per un altro verso l‘ONS (Office for National Statistics) sostiene che questo non sia necessariamente un male, perché gli anziani non dovranno far fronte ai costi e alle responsabilità di gestione dell’immobile e potranno spostarsi più facilmente.


(Tratto dall’articolo www.econopoly.ilsole24ore.com)

Tutto il materiale e le informazioni presenti in questo Sito Web sono protetti dal diritto di copyright, ossia dal diritto di proprietà e tutti i contenuti del sito appartengono esclusivamente a Fondazione Leonardo. Tali contenuti possono includere immagini, fotografie, illustrazioni, testi, inserti video e audio, disegni, logotipi e marchi di fabbrica. Tutti i diritti sono riservati.

Covid-19: gravissimo, ma non è l'Angelo Sterminatore

Neodemos, foro di osservazione, analisi e proposte delle tendenze in atto, con l’articolo di Massimo Livi Bacci approfondisce la natura del virus Covid-19, le sue conseguenze sulla salute, la letalità, le politiche sanitarie per debellarlo o contenerlo.

Il futuro dell'Unione: in Europa siamo sempre di meno e sempre più anziani

Secondo uno studio del Servizio Ricerca del Parlamento europeo, se manterremo le tendenze annuali di nascite e morti, nel 2080 il Continente passerà dai 513,5 milioni di abitanti attuali a 504,5. E non si fermerà l'emorragia di popolazione dalle campagne.

Ultimi inserimenti in Notizia

 

Si poteva e si doveva evitare la “strage dei nonni”. È una frase che pesa come un macigno quella urlata dai sindacati dei pensionati, ritrovatisi fuori dal convitto Principessa Felicita di Savoia per lanciare la campagna unitaria Senza radici non c’è futuro.

 

Scritto da Coppi Mariarosa il 03/07/2020

Parola chiave: Assistenza Domiciliare Integrata, Epidemie, Strutture residenziali per anziani

 

L’emergenza Covid-19 ha ulteriormente prolungato i tempi di attesa per gli esami diagnostici e per le cure presso gli ospedali della Sardegna. Questa è la denuncia di Sebastiano Sanna, segretario regionale delle Acli.

 

Scritto da Lacchi Nives il 03/07/2020

Parola chiave: Ospedale, Prevenzione

 

In Italia ci sono circa 400mila famiglie che dispongono esclusivamente della telefonia fissa, senza abbonamento internet.

 

Scritto da Faraglia Sonia il 03/07/2020

Parola chiave: Informatica

Visualizza altri Notizie In archivio sono presenti 6252 Notizie

Inviaci le tue notizie

Puoi segnalarci: progetti, convegni, seminari, tutto ciò che può interessare chi si interessa della vita in età anziana.

Iscriviti alla newsletter

Resta sempre aggiornato e ricevi le più importanti notizie della settimana.