|

|

|

|

|


Autore

Un decalogo per vivere in casa, serenamente

Il contributo di Marco Trabucchi

 

La vita di ogni persona sta subendo in questi giorni modificazioni drammatiche, rese ancor più importanti dalla mancanza di qualsiasi esperienza precedente alla quale ispirarsi.

 

In questa atmosfera di incertezza, che colpisce in particolare l’anziano, è utile seguire alcune indicazioni pratiche, derivate dall’esperienza di medici attenti alla salute di chi non è più giovane.

Di seguito ne riportiamo alcune, nella speranza che possano servire a stare meglio sia sul piano psicologico che su quello della salute del corpo.

 

- Non viviamo alla giornata nella continua attesa di notizie, ma coltiviamo ricordi, anche se nostalgici, riguardo a tutto quello che abbiamo vissuto, e proiettiamoci nel futuro, senza rinunciare alla progettualità e ai sogni su cosa faremo nei mesi dopo il coronavirus.

 

- Alzarsi la mattina secondo le proprie abitudini, evitando di restare in pigiama, ma indossando vestiti adeguati e sistemando il nostro aspetto come se si dovesse uscire.

 

- Riprogrammare la giornata e la settimana, rispettando gli orari che abbiamo stabilito. Ogni giorno deve essere dedicato a un’attività aggiuntiva rispetto all’inevitabile routine, come mettere a posto documenti arretrati, rileggere vecchie lettere, cucinare un piatto non consueto, ascoltare l’opera preferita. Bisogna alternare attività sedentarie con attività motorie praticabili in casa (cyclette, flessioni, mobilizzazione articolare, salire e scendere a piedi le scale, ecc.).

 

- Se si ha la fortuna di avere un terrazzino o un balcone, esporsi alla luce solare, che è sempre un potente antidoto contro la depressione, l’osteoporosi, l’insonnia. La primavera sta arrivando…

 

- Bere almeno un litro e mezzo d’acqua (o altri liquidi non zuccherati) al giorno, anche se non si prova il senso della sete. Inoltre, una dieta equilibrata, con abbondante frutta e verdura, servirà a evitare la stitichezza che si può accompagnare alla forzata riduzione del movimento.

 

- Preoccupatevi di contattare un parente, una persona amica (o un’associazione di volontariato) se non avete la possibilità di fare gli acquisti di alimentari in un negozio vicino a casa vostra.

 

- Mantenere o aumentare le relazioni amicali a distanza, utilizzando il telefono, le mail e i social (fatevi assistere da nipoti per via telefonica se avete bisogno di consigli tecnologici), il balcone (per chi può). Con tanto tempo a disposizione cerchiamo di contattare un amico o un parente che non sentiamo da parecchio tempo.

 

- Se avete un animale domestico prestategli maggiore attenzione e maggiori cure.

 

- Seguire con attenzione le prescrizioni per l’assunzione dei farmaci. Se avete delle incertezze consultate per telefono il vostro medico curante, ma non fidatevi dei consigli (personali o televisivi) di falsi esperti. Non vi è nessun motivo per cambiare le terapie che seguivate prima della crisi. Non fate ricorso a medicine per dormire senza la prescrizione del vostro medico: potrebbero essere dannose per la capacità di vivere serenamente.

 

- Trasformiamo l’attuale triste esperienza di riduzione dei contatti che stiamo vivendo a causa del virus in una spinta ad essere domani più aperti, disponibili, attenti alle esigenze degli altri. Dopo aver sperimentato la solitudine saremo più capaci di difendere i nostri affetti e le nostre relazioni, con vantaggi personali e per le persone che ci circondan


(Fonte: )

Tutto il materiale e le informazioni presenti in questo Sito Web sono protetti dal diritto di copyright, ossia dal diritto di proprietà e tutti i contenuti del sito appartengono esclusivamente a Fondazione Leonardo. Tali contenuti possono includere immagini, fotografie, illustrazioni, testi, inserti video e audio, disegni, logotipi e marchi di fabbrica. Tutti i diritti sono riservati.

La Chiesa social

L'emergenza del coronavirus ha indotto la Chiesa a trovare forme nuove e anche fantasiose per comunicare messe, rosari, preghiere: dalle parabole alle paraboliche. E ancora più in là, fino ai social network.

La strage silenziosa

In questi giorni le notizie ci dicono che sono decine gli anziani non autosufficienti che muoiono per l’epidemia di Covid-19. Oltre alla fragilità dovuta alla loro avanzata età, i ricoveri in ospedali o la degenza presso le Rsa rendono gli anziani più soggetti a soccombere al virus.

Ultimi inserimenti in Periodico

 

In Regione Lombardia, le persone disabili, residenti in strutture assistite, si trovano ancora in una situazione molto pesante: non possono nè entrare, nè uscire e neppure incontrare i familiari.

 

De Carli Sara, www.vita.it, 23/06/2020

Parola chiave: Disabilità, handicap, Residenza Sanitaria Assistenziale

 

 

 

Redazione, www.vita.it, 21/06/2020

Parola chiave: Cultura e informazione: fruizione e richiesta, Discriminazione di genere

 

L'organizzazione dei centri estivi a Biella rischia di innescare una guerra fra bambini e anziani.

 

Stefania Zorio, La Stampa, 06/06/2020

Parola chiave: Centro sociale anziani

Visualizza altri Periodici In archivio sono presenti 125 Periodici

Inviaci le tue notizie

Puoi segnalarci: progetti, convegni, seminari, tutto ciò che può interessare chi si interessa della vita in età anziana.

Iscriviti alla newsletter

Resta sempre aggiornato e ricevi le più importanti notizie della settimana.