|

|

|

|

|


Autore

Fonte
www.vita.it
01/05/2020

Rsa più piccole e aperte al territorio: una sfida per il Terzo settore

Dopo il coronavirus è necessario ripensare il ruolo delle RSA. La reputazione delle grandi strutture residenziali per anziani è inesorabilmente segnata, spingendo sempre più le famiglie a considerarle una opzione limite, di ultima istanza, accelerandone la trasformazione verso grandi hospice. Per non finire così le Rsa dovranno ripensarsi e adattarsi a bisogni che saranno cambiati.

Sono tre le piste di lavoro:

- le Rsa come agenti del territorio, ovvero strutture "aperte" per venire incontro alle esigenze del sostegno domiciliare;

- una residenzialità diversa dalle grandi strutture, cioè abitazioni protette, forme di “abitare leggero” che non superano solitamente i 25-30 posti ed offrono un sostegno prevalentemente, ma non esclusivamente, di tipo sociale;

- le nuove competenze necessarie: le residenze di domani dovranno investire molto sulla formazione degli Oss, figura nevralgica capace di rendersi versatile come supporto ai familiari e di avere dimestichezza nell’uso delle nuove tecnologie e della tecnoassistenza.


(Fonte: www.vita.it)

Tutto il materiale e le informazioni presenti in questo Sito Web sono protetti dal diritto di copyright, ossia dal diritto di proprietà e tutti i contenuti del sito appartengono esclusivamente a Fondazione Leonardo. Tali contenuti possono includere immagini, fotografie, illustrazioni, testi, inserti video e audio, disegni, logotipi e marchi di fabbrica. Tutti i diritti sono riservati.

Il tempo che rimane

Personaggio principale di questo romanzo breve è Annita, con due enne, come preferisce specificare lei stessa. Lo fa nelle poche volte in cui si presenta personalmente agli ospiti della pensione, dove trascorre parte del proprio tempo.

La strage silenziosa

In questi giorni le notizie ci dicono che sono decine gli anziani non autosufficienti che muoiono per l’epidemia di Covid-19. Oltre alla fragilità dovuta alla loro avanzata età, i ricoveri in ospedali o la degenza presso le Rsa rendono gli anziani più soggetti a soccombere al virus.

Ultimi inserimenti in Periodico

 

Dopo il coronavirus è necessario ripensare il ruolo delle RSA. La reputazione delle grandi strutture residenziali per anziani è inesorabilmente segnata, spingendo sempre più le famiglie a considerarle una opzione limite, di ultima istanza, accelerandone la trasformazione verso grandi hospice. Per non finire così le Rsa dovranno ripensarsi e adattarsi a bisogni che saranno cambiati.

 

Pasquinelli Sergio, www.vita.it, 01/05/2020

Parola chiave: Assistenza Domiciliare, Operatore socio-assistenziale e sanitario, Residenza Sanitaria Assistenziale

 

ll sondaggio sul contagio da COVID-19 nelle RSA, realizzato dall'Istituto Superiore di Sanità a cavallo tra marzo e aprile, ha evidenziato che il tasso di mortalità fra i residenti, considerando i decessi di persone risultate positive o con sintomi simil-influenzali, è in media del 3,1% ma in Lombardia praticamente raddoppia, arrivando al 6,8%.

 

De Carli Sara, www.vita.it, 08/04/2020

Parola chiave: Residenza Sanitaria Assistenziale, Ricerca

 

"Non è umanamente sopportabile impedire le celebrazioni dei funerali alle tantissime famiglie colpite da un lutto. Proporrò al governo, in vista della fase di graduale riapertura, di compiere un passo concreto: dobbiamo poter tornare a celebrare i funerali, seppure alla presenza soltanto degli stretti congiunti, nel rispetto delle misure di distanziamento fisico dei partecipanti".

 

AGI, www.agi.it, 23/04/2020

Parola chiave: Religione

Visualizza altri Periodici In archivio sono presenti 116 Periodici

Inviaci le tue notizie

Puoi segnalarci: progetti, convegni, seminari, tutto ciò che può interessare chi si interessa della vita in età anziana.

Iscriviti alla newsletter

Resta sempre aggiornato e ricevi le più importanti notizie della settimana.