|

|

|

|

|


Autore

Fonte
www.vita.it
01/05/2020

Rsa più piccole e aperte al territorio: una sfida per il Terzo settore

Dopo il coronavirus è necessario ripensare il ruolo delle RSA. La reputazione delle grandi strutture residenziali per anziani è inesorabilmente segnata, spingendo sempre più le famiglie a considerarle una opzione limite, di ultima istanza, accelerandone la trasformazione verso grandi hospice. Per non finire così le Rsa dovranno ripensarsi e adattarsi a bisogni che saranno cambiati.

Sono tre le piste di lavoro:

- le Rsa come agenti del territorio, ovvero strutture "aperte" per venire incontro alle esigenze del sostegno domiciliare;

- una residenzialità diversa dalle grandi strutture, cioè abitazioni protette, forme di “abitare leggero” che non superano solitamente i 25-30 posti ed offrono un sostegno prevalentemente, ma non esclusivamente, di tipo sociale;

- le nuove competenze necessarie: le residenze di domani dovranno investire molto sulla formazione degli Oss, figura nevralgica capace di rendersi versatile come supporto ai familiari e di avere dimestichezza nell’uso delle nuove tecnologie e della tecnoassistenza.


(Fonte: www.vita.it)

Tutto il materiale e le informazioni presenti in questo Sito Web sono protetti dal diritto di copyright, ossia dal diritto di proprietà e tutti i contenuti del sito appartengono esclusivamente a Fondazione Leonardo. Tali contenuti possono includere immagini, fotografie, illustrazioni, testi, inserti video e audio, disegni, logotipi e marchi di fabbrica. Tutti i diritti sono riservati.

La strage silenziosa

In questi giorni le notizie ci dicono che sono decine gli anziani non autosufficienti che muoiono per l’epidemia di Covid-19. Oltre alla fragilità dovuta alla loro avanzata età, i ricoveri in ospedali o la degenza presso le Rsa rendono gli anziani più soggetti a soccombere al virus.

Europa: tendenza all'invecchiamento ed al calo della popolazione

Da uno studio del servizio di ricerca del Parlamento Europeo emerge che, di qui al 2080, si potrebbe avere  una riduzione della popolazione europea di 9 milioni di persone. Quindi dovremmo passare dagli attuali 513,5 milioni ai 504,5 nel 2080. La riduzione non sarà in ogni caso costante: per il 2040, ad esempio, sono previsti 524,7 milioni di abitanti in Europa.

Ultimi inserimenti in Periodico

 

Si definisce Silver Economy l’insieme di servizi e prodotti destinati alla platea degli over 50. Oggi a livello globale è stimata in 7 trilioni di dollari all’anno, un traino importante dell’economia mondiale.

 

Redazione, www.vita.it, 08/07/2020

Parola chiave: Crisi economica, Testamento solidale, Silver Economy

 

Stereotipi sbagliati: il vino fa buon sangue (e invece induce anemia), l’alcol fa digerire e dormire bene (e invece aumenta l’acidità gastrica e la probabilità di risvegli notturni) e per finire: è il “latte dei vecchi”.

 

Natali Daniela, www.corriere.it, 07/07/2020

Parola chiave: Dipendenze

 

Un sistema diverso da quello delle RSA o delle cure domestiche di badanti o familiari: si tratta del senior housing, che si rivolge ad anziani autosufficienti con l’obiettivo di promuovere l’invecchiamento attivo e prevede un sistema di alloggi indipendenti organizzati intorno a una serie di servizi comuni (ristoranti, biblioteche, palestre, ecc.), con la possibilità di godere di alcuni servizi “dedicati”.

 

Cavestri Laura, www.ilsole24ore.com, 23/06/2020

Parola chiave: Cohousing, Senior marketing

Visualizza altri Periodici In archivio sono presenti 129 Periodici

Inviaci le tue notizie

Puoi segnalarci: progetti, convegni, seminari, tutto ciò che può interessare chi si interessa della vita in età anziana.

Iscriviti alla newsletter

Resta sempre aggiornato e ricevi le più importanti notizie della settimana.