|

|

|

|

|


Autore

Data Notizia
09/04/2021

Fonte
osservatoriosenior.it

Gli eventi culturali rendono più longevi?

Tre ricercatori svedesi hanno condotto una ricerca longitudinale durata 10 anni su 15.198 soggetti tra i 16 e i 74 anni per dimostrare l’influenza del frequentare eventi culturali nella sopravvivenza. 

 

La complessa ricerca considera molte variabili e, pur essendo stata pubblicata negli anni ’90, ci fornisce ancora oggi molti spunti, particolarmente significativi in questo periodo di frequenti lockdown in cui attendiamo il momento di poter tornare a frequentare eventi culturali. La cosa interessante è che gli eventi culturali sono suddivisi in tre categorie di variabili indipendenti: frequenza a cinema, teatro, concerti, musei, sport; fare musica e cantare in un coro; lettura di libri.

 

La frequenza ad eventi dal vivo in teatri musei implica organizzarsi, uscire, vedere gente. Ci mobilita anche fisicamente. Inoltre, una esecuzione o un quadro suscitano emozioni più forti rispetto agli stessi eventi visti online o in televisione.  La socializzazione è parziale, dato che sono tutti luoghi dove si osserva il silenzio. Si socializza di più in una cena in gruppo. Diverso è uno sport visto dal vivo, dove si può incitare la squadra preferita e dove si sta insieme ad altre persone. Dunque, c’è molta diversità tra un evento e l’altro.

 

Molto interessante il discorso sul fare musica suonando uno strumento o cantando in un coro. Purtroppo, la ricerca non ha raccolto abbastanza elementi per dimostrarne l’efficacia. Tuttavia, possiamo pensare che le emozioni positive create da queste situazioni siano decisamente più forti che usufruire della musica passivamente. Fare musica fa bene alla salute? Speriamo di sì.

 

Un discorso a parte mi pare possa essere fatto sul cinema. Un film non è mai dal vivo. Vederlo al cinema con un’amica o a casa sul grande televisore con il proprio partner non mi pare possa spegnere le emozioni. Lo stesso dicasi per la musica che ascoltiamo per lo più riprodotta con supporti ormai fedelissimi. Ci piace pensare che anche la cultura usufruita a casa ci possa rendere longevi.


(Tratto dall’articolo osservatoriosenior.it)

Tutto il materiale e le informazioni presenti in questo Sito Web sono protetti dal diritto di copyright, ossia dal diritto di proprietà e tutti i contenuti del sito appartengono esclusivamente a Fondazione Leonardo. Tali contenuti possono includere immagini, fotografie, illustrazioni, testi, inserti video e audio, disegni, logotipi e marchi di fabbrica. Tutti i diritti sono riservati.

Curare la malattia mentale attraverso l'arte: una sfida vincente

Antenna Anziani, l’associazione per la promozione della domiciliarità e per il sostegno della persona anziana o in difficoltà, ha recentemente pubblicato "Un soffio d’arte", libro che raccoglie le opere di Portieri Valter e Tonetta Enrico, entrambi pazienti del Dipartimento di salute mentale di Belluno.

Il secondo studente più acculturato al mondo ha 88 anni ed è italiano

Classe 1933, originario di Foggia, Leonardo Altobelli vanta un primato tutto italiano: è il secondo uomo più acculturato al mondo, vantando un ventaglio di ben 14 lauree.

Ultimi inserimenti in Notizia

 

L’Azienda Sanitaria Universitaria Giuliano Isontina con il Comune di Trieste offre un servizio di assistenza telefonica gratuita a tutti gli anziani dell’ASL di riferimento attraverso il numero verde 800.544.544 attivo 24 ore su 24.

 

Scritto da Lacchi Nives il 19/06/2021

Parola chiave: Integrazione, Servizi assistenziali, Cultura e informazione: servizi, Rete dei servizi, integrazione, Solitudine

 

Il Rapporto sulla Sicurezza 2021 realizzato da Dekra (società tedesca che si occupa di testing, ispezione e certificazione nel settore automobilistico) evidenzia che aumentano gli anziani alla guida e che, di conseguenza, crescono i rischi di incidenti stradali in questa fascia di età.

 

Scritto da Lacchi Nives il 10/06/2021

Parola chiave: Guida automobilistica, Prevenzione, Sicurezza, misure di

 

Anche se il mondo cinematografico ha la tendenza ad assegnare ruoli di secondo piano agli attori senior, ci sono attori e attrici che, giunti alla maturità della loro carriera, vivono una seconda giovinezza professionale cavalcando il successo in televisione, teatro e spettacolo cinematografico.

 

Scritto da Faraglia Sonia il 03/06/2021

Parola chiave: Cinema, Lavoro nella terza età

Visualizza altri Notizie In archivio sono presenti 6488 Notizie

Inviaci le tue notizie

Puoi segnalarci: progetti, convegni, seminari, tutto ciò che può interessare chi si interessa della vita in età anziana.

Iscriviti alla newsletter

Resta sempre aggiornato e ricevi le più importanti notizie della settimana.