|

|

|

|

|


Autore

Fonte
www.spazio50.org
27/03/2021

In famiglia e fuori: coltivare relazioni positive a tutte le età

Ogni persona nasce, vive e invecchia in un ambiente, protettivo o nemico, a seconda degli eventi e della capacità di costruire legami o abbandoni. Però, gli umani sono sempre creature sociali. Nel suo ultimo webinar su Zoom - I webinar di Spazio50, il Professor Marco Trabucchi ha parlato proprio di relazioni, di come gestirle e imparare a coltivarle.

Ognuno di noi, nelle ore di veglia, è per l’80% del tempo a contatto con gli altri. Se si è convinti che la comunità in cui si vive è essenziale per il bene di tutti i suoi componenti, ma nello stesso tempo si è coscienti che può essere soggetta a momenti di crisi e di difficoltà, è fondamentale superare ogni controversia o incertezza per mantenerla viva e possa arricchirsi della presenza di ognuno.

Non tutti condividono il pensiero che sia opportuno spendere tempo per coltivare rapporti e relazioni positive all’interno della famiglia, dell’ambiente di lavoro e negli altri diversi tempi della propria esistenza. Spesso diventa inutile ribattere a questa impostazione di vita attraverso un approccio morale ma sarà più proficuo far notare quale saranno i vantaggi che si avranno sulla salute e sul benessere della mente.

Marco Trabucchi ha stilato un elenco in cui riassume i 7 punti importanti per chi intende, a qualsiasi età, instaurare relazioni significative:

  1. Essere generosi con sé stessi e con gli altri
  2. Essere sempre attenti all’altro, con la curiosità di chi vuole trovare punti di appoggio per una relazione significativa
  3. Non cercare di vedere subito i vantaggi di un rapporto amicale
  4. Saper perdonare il partner in famiglia e fuori per eventuali momenti di disattenzione
  5. Talvolta la relazione non richiede parole, ma solo ascolto
  6. La relazione deve essere sempre gentile, perché la gentilezza esprime in modo comprensibile il desiderio di costruire un rapporto
  7. La relazione, infine, deve essere inquieta, mai soddisfatta del livello raggiunto nel contatto con l’altro.

(Fonte: www.spazio50.org)

Tutto il materiale e le informazioni presenti in questo Sito Web sono protetti dal diritto di copyright, ossia dal diritto di proprietà e tutti i contenuti del sito appartengono esclusivamente a Fondazione Leonardo. Tali contenuti possono includere immagini, fotografie, illustrazioni, testi, inserti video e audio, disegni, logotipi e marchi di fabbrica. Tutti i diritti sono riservati.

Modello Salzgitter: la "casa" intergenerazionale dove costruire rapporti

Nella città tedesca di Salzgitter è stato avviato il progetto delle case intergernazionali: giovani, bambini e anziani si ritrovano in un centro di aggregazione aperto a tutti per contrastare l'individualisimo e creare dei rapporti sociali a protezione dei soggetti più vulnerabili.

La sarta di Parigi

In parte ispirato alle vicende della madre e della nonna dell’autrice, La sarta di Parigi è un avvincente romanzo storico che racconta la vita avventurosa di una donna forte e affascinante.

Ultimi inserimenti in Periodico

 

Questa storia arriva dal Giappone e ha per protagonista Yasuko Tamaki che, dal 1956, lavora in una società commerciale specializzata in viti, la Sunco Industries. È nata il 15 Maggio 1931, sta per spegnere le sue “prime” novantuno candeline ed ha una particolarità: è la più anziana capo ufficio del mondo.

 

Vinci Romina, www.spazio50.org, 04/05/2021

Parola chiave: Lavoro nella terza età, Storie di vita

 

Ogni persona nasce, vive e invecchia in un ambiente, protettivo o nemico, a seconda degli eventi e della capacità di costruire legami o abbandoni. Però, gli umani sono sempre creature sociali. Nel suo ultimo webinar su Zoom - I webinar di Spazio50, il Professor Marco Trabucchi ha parlato proprio di relazioni, di come gestirle e imparare a coltivarle.

 

Trabucchi Marco, www.spazio50.org, 27/03/2021

Parola chiave: Affettività, Amicizia, Rapporti intergenerazionali

 

Secondo uno studio dell’OMS, i disturbi depressivi colpiscono nel mondo 322 milioni di persone di tutte le età. L’incidenza più alta, però, si registra tra adulti e anziani. La depressione in terza età può portare a non vedere prospettive con il rischio di rinunciare a vivere bene, a mangiare, a fare attività fisica, a curarsi, ad avere una vita sociale.

 

Trabucchi Marco, www.spazio50.org, 01/05/2021

Parola chiave: Cura, Depressione, Lutto, Psicologia dell'invecchiamento

Visualizza altri Periodici In archivio sono presenti 159 Periodici

Inviaci le tue notizie

Puoi segnalarci: progetti, convegni, seminari, tutto ciò che può interessare chi si interessa della vita in età anziana.

Iscriviti alla newsletter

Resta sempre aggiornato e ricevi le più importanti notizie della settimana.